pasticcini alle mandorle

Pasticcini alle mandorle siciliani

Una ricetta che sa di Sicilia, grazie al profumo di mandorla e arancia. Dei pasticcini resi morbidissimi dall'aggiunta di crema di arancia candita ed estremamente facili da realizzare.

condivisioni

Ho provato un sacco di volte a preparare i classici pasticcini alle mandorle siciliani: sono i miei dolci preferiti, da sempre, e non potevo certo resistere all’idea di riprodurli in casa. Nulla da fare, ogni volta un fallimento. Troppo croccanti, a volte persino duri, molto lontani dalla morbidezza profumata che avevo assaggiato in Sicilia.
Poi un giorno, quasi per caso, ho scoperto l’arcano: un po’ di miele, per evitare la cristallizzazione, e arancia candita ridotta in crema aggiunta all’impasto. E, finalmente, i *veri* pasticcini siciliani.
Non ci credete? Provateci… e poi mi direte!!!

pasticcini alle mandorle

 

Stampa
Pasticcini siciliani alle mandorle
2015-03-10 10:47:30
Per 6 persone
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Difficoltà
2
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Ingredienti
  1. 1 chilo di mandorle (se riuscite, aggiungetene un po' amare, altrimenti usate l'essenza di mandorla amara per profumare l'impasto
  2. 800 g di zucchero
  3. 200 g di scorze di arancia candite
  4. 50 g di miele (possibilmente di arancio, altrimenti scegliete il vostro preferito)
  5. 350 g di albume
Istruzioni
  1. Innanzitutto, riducete in farina le mandorle (ovviamente, se avete la possibilità di acquistare della buona farina di mandorle, potete saltare tranquillamente questo passaggio, rendendo ancora più veloce l'esecuzione della ricetta).
  2. Prendete un macinacaffè e sistematevi dentro un pugnetto di mandorle e un cucchiaio di zucchero. Azionate ad intermittenza, in modo da non scaldare troppo le mandorle (si rovinerebbe il sapore) e macinate fino a trasformarle in una specie di farina (non deve essere finissima, per cui non ci metterete molto).
  3. Poi, riducete in in crema le bucce di arancia: per questa operazione potete usare sia il macinacaffè che un frullatore (questo, magari, ha il vantaggio di poter essere lavato più facilmente).
  4. Fatto questo, versate la farina di mandorle in una ciotola e aggiungete a questa gli altri ingredienti. Mescolate con un cucchiaio fino a quando tutto non sia ben amalgamato (se l'impasto vi sembra troppo duro, potete aggiungere un altro po' di albume) e mettetelo in una tasca per dolci.
  5. Formate quindi i pasticcini spremendo direttamente l'impasto su una teglia coperta di carta da forno e decorate con un pezzetto di arancia candita.
  6. Lasciate quindi riposare per una notte intera (non è il caso di avere fretta: un riposo più breve impedirà loro di mantenere la forma in cottura) e poi infornate a 200°C fino alla doratura desiderata. A questo punto, sfornateli anche se sicuramente vi sembreranno troppo morbidi: si induriranno (quel tanto che basta) raffreddandosi.
iFood http://www.ifood.it/
pasticcini alle mandorle

 Una volta pronti lasciateli raffreddare sulla placca, senza toccarli. Caldi sono teneressimi e rischiereste di rovinarli per la fretta. Una volta freddi, e induriti,  staccateli con delicatezza dalla carta forno e sistemateli in una scatola di latta.  Non chiudetela però: lasciatela aperta almeno una notte (i pasticcini devono perdere l’umidità eccessiva). Riponeteli solo il mattino dopo… a patto che riusciate a non mangiarli! 

 pasticcini alle mandorle

 

Bene, io credo di avervi detto tutto. Ora tocca a voi… scommettiamo che vi verranno buonissimi?

23 febbraio 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste