www.thespaceilvillaggiopizza.it

La Pizza napoletana presto Patrimonio dell’Umanità Unesco?

Nell'anno dell'Expo l'Italia decide di tutelare a valorizzare la pizza

condivisioni

In un anno, il 2015, estremamente significativo per l’Italia grazie all’Expo, la Commissione Italiana per l’Unesco ha deciso di candidare la Pizza napoletana per l’ingresso alla Lista del Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco. Una scelta importante decidere di valorizzare una forma d’Arte, quella dei Pizzaiuoli Napoletani, che è da sempre un simbolo del Made in Italy in tutto il mondo.

Riconoscore la pizza quale patrimonio è anche una scelta strategica, per tutelare un business che supera i 10 miliardi di euro nel solo territorio nazionale, e che rafforza il programma politico che ha l’obiettivo di combattere le contraffazioni e difendere una tra le icone più importanti del nostro paese.

Il giro d’affari relativo alla pizza napoletana è impressionante: vi operano oltre 60.000 pizzerie con un impiego complessivo di 150.000 persone, dati emersi da un’analisi della Coldiretti. Il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina si è detto entusiasta di tale candidatura che esplicita l’importanza di un’arte che si tramanda da generazioni e afferma con forza il ruolo che ha il patrimonio enogastronomico italiano.

Per affermare, tutelare e valorizzare l’arte della pizza nel mondo è stato inviato un dossier alla sede dell’Unesco 2 giorni fa, lunedì 30 marzo. Tale passo ha chiuso un iter iniziato con la raccolta firme (300mila circa) organizzata dalla Coldiretti in collaborazione con l’Associazione Pizzaioli Napoletani ed alla fondazione dell’ex ministro dell’Agricoltura Alfonso Pecoraro Scanio.

Ora la “palla”, o meglio il dossier, passa all’Unesco attraverso un lungo e complesso negoziato che vedrà coinvolti oltre 160 paesi. In rappresentanza dell’Italia ci sarà il professore Pier Luigi Petrillo che ha già vinto recentemente una “battaglia” di questo tipo. Il mio auspicio, di ragazzo nato in Via dei Tribunali, tra Sorbillo e Di Matteo, è di veder riconosciuto a livello mondiale il valore (e la bontà) della pizza napoletana, per poter un giorno dire dinanzi ad una fumante Margherita: “Sto mangiando un patrimonio!”.

1 aprile 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste