fragoline

La fragola, un cuore rosso con un’affascinante storia

301 anni di storia per la fragola moderna, un mito che si perde nella notte dei tempi

condivisioni

La fragola non è solo un frutto – anzi, ad esser precisi,  il vero “frutto” è rappresentato dai piccoli semini che la punteggiano, mentre la polpa profumata e rossa è la trasformazione del fiore, – ma è il cuore di Venere che va in frantumi. Il mito racconta che Marte fosse geloso dell’amore della dea per il bellissimo Adone. Si trasformò quindi in cinghiale e lo uccise durante una battuta di caccia. Venere pianse calde lacrime, sul corpo dell’amante morente, ed esse si trasformarono all’istante in cuori rossi: le fragole di bosco.

Molto amate già dai tempi dell’antica Grecia, fino ai fasti dell’Impero Romano, diventarono il frutto dell’amore per antonomasia, consumate in abbondanza durante le Adonìe, festività primaverili dedicate ad Adone. Nel Medioevo presero l’etichetta di frutto afrodisiaco e per questo peccaminoso; si riteneva che potessero trasformare in mostro chi ne facesse abuso…ma noi crediamo che si trattasse soltanto di orticaria.

Diverse varietà di fragola selvatica iniziarono ad essere coltivate alla corte di Francia da illustri giardinieri e botanici, ma due fatti portarono alla nascita della fragola moderna: il grande amore per questo frutto che si sviluppò a partire dal tardo Seicento e i viaggi di conquista e scoperta.

In particolare quelli di Amédée Frézier, spia e ingegnere militare con l’hobby della botanica al servizio di Luigi XIV di Francia, che nel 1713 prelevò dal Cile, cinque piante di fragola bianca, per portarle con sé fino in Francia l’anno seguente. Una di queste venne piantata accanto a un’altra pianta della specie Fragaria proveniente dalla Virginia, ottenendo dall’incrocio la Fragaria Ananassa, dai frutti più grossi e polposi. Fu solo la prima delle ibridazioni che portarono alla nascita della fragola che conosciamo oggi e al suo ininterrotto successo per oltre 300 anni.

A fine Settecento la vezzosa Madame Tallien sosteneva di fare il bagno in dieci chili di fragole per volta, per conservare il candore e la morbidezza della sua splendida pelle; faceva bene, poiché le fragole sono ricchissime di antiossidanti e quindi attribuiscono a chi le mangia tutte le qualità di Venere, bellezza, salute, giovinezza… per l’amore dobbiamo lavorarci su.

fragola_cuore rosso_storia
da sinistra: P. N. Guérin, Venus and Adonis; ritratto di Amédée-François Frézier; F. Gérard, Madame Tallien.

Le fragole non sono solo un ottimo spuntino, al naturale o spruzzate di succo di agrumi, o uno splendido ingrediente per i dolci primaverili ed estivi; sono anche perfette per colorare e profumare di gusto le insalate di questa stagione, prima che venga il turno di pomodori e peperoni.fragola_cuore rosso_piatto finito

Stampa
Insalatina con fragole e crema di formaggio e cetriolo
2015-04-25 12:29:16
Per 4 persone
Tempo di Preparazione
Tempo Totale
Difficoltà
1.5
Tempo di Preparazione
Tempo Totale
Ingredienti
  1. 250 g di fragole mature e sode
  2. 2 cetrioli
  3. 200 g di formaggio cremoso
  4. 150 g di yogurt greco
  5. 200 g di valeriana
  6. 1 grosso spicchio d'aglio
  7. una manciata di mandorle a lamelle
  8. q.b. sale
  9. q.b. pepe nero
  10. q.b. olio extravergine d'oliva
Istruzioni
  1. Pulite la valeriana, le fragole e i cetrioli.
  2. Pelate i cetrioli e grattugiatene uno; tagliate l'altro a rondelle sottili.
  3. Mescolate il formaggio fresco con lo yogurt greco, il cetriolo grattugiato e lo spicchio d'aglio, spremuto con uno spremiaglio, regolando di sale e aggiungendo un filo d'olio.
  4. Tagliate a rondelle sottili le fragole e conditele con un pizzico di sale e una macinata di pepe nero.
  5. Disponete in ogni piatto un letto di valeriana, poi il cetriolo e le fragole a rondelle e infine due cucchiaiate di crema di formaggio e cetriolo.
  6. Spolverate con le mandorle a lamelle e portate in tavola, con i condimenti per chi volesse aggiungerne.
iFood http://www.ifood.it/
 fragola_cuore rosso_passopassoNella Francia rurale, la zuppa di fragole e borragine, erba dal sapore di cetriolo, era la prima colazione degli sposi la mattina dopo la prima notte di nozze, ed era completata con panna acida e zucchero. Come le coppie ben affiatate, fragola e cetriolo migliorano a vicenda il loro sapore. Questa insalata è un mio omaggio a quell’abbinamento tradizionale.

 

Ricetta a cura di Alessandra Giovanile.

Fonti fotografiche e bibliografiche:

http://commons.wikimedia.org

http://www.cotebrest.fr/2014/05/21/de-frezier-a-fraisier-300-ans-dhistoire-gourmande/

http://www.diciboealtrestorie.com/2012/06/05/fragole-storia-e-leggende/

Nicky Segnit, La Grammatica dei Sapori, Gribaudo, 2011.

5 maggio 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste