Madeira cake (vov)

Madeira cake alla frutta e sciroppo al VOV

condivisioni

Perfetta per essere gustata al naturale la Madeira Cake è una torta di origine anglosassone. La sua consistenza piuttosto compatta la rende un’ottima base per le torte decorate utilizzate nell’ambito del cake design o anche nel caso di  torte a più piani.
L’alta presenza del burro nell’impasto dona alla torta una trama compatta e sostenuta tanto che non c’è rischio di deformarzione della torta anche se si usa qualche liquido o bagna tra gli strati.
Partendo dalla ricetta della mitica Nigella abbiano dato un tocco di “italianità” a questo dolce rendendolo più piacevole al nostro palato abituato a gustare dolci tendenzialmente più soffici e spugnosi di quelli anglosassoni.
La madeira è  stata spennellata  con una bagna di sciroppo al VOV e tra i tanti piani della torta è stata inserita una morbida crema al mascarpone aromatizzata al VOV.
Questo liquore alcolico a base di tuorli, zucchero e marsala è perfetto per aromatizare un dolce di questo tipo. Il sapore dolce dello zabajone, unito alla nota alcolica sono in perfetta armonia con l’acidità dei frutti di bosco che completano la torta.


Madeira cake

La ricetta quindi è composta da una base di torta madeira, una bagna al VoV e una crema al mascarpone e panna aromatizzata al VOV. Infine sul dolce sono stati aggiunti frutti di bosco, fragole e zucchero a velo.

Stampa
Madeira Cake alla frutta con sciroppo al VoV
2015-05-11 23:24:50
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Difficoltà
4
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Ingredienti
  1. Per la madeira cake
  2. 300 g di farina 00
  3. 240 g di burro a temperatura ambiente
  4. 200 g di zucchero
  5. 3 uova grandi
  6. 1 limone (succo e scorza)
  7. 1 bustina di lievito per dolci
  8. Per lo sciroppo al VOV
  9. 200 ml di acqua
  10. 100 g di zucchero semolato
  11. 1 bicchierino ( da liquore) di VOV
  12. Per la crema al mascarpone e panna
  13. 300 g di panna fresca a montare
  14. 300 g di mascarpone
  15. 50 di zucchero a velo
  16. 3 cucchiaini di liquore VOV
per la decorazione
  1. zucchero a velo
  2. 250 g dimirtilli freschi
  3. 100 g di fragoline
  4. 250 g di lamponi
  5. 100 g di ribes rossi
Istruzioni
  1. Preriscaldate il forno a 170° C.
  2. Montate il burro morbido insieme allo zucchero con l’aiuto delle fruste elettriche (o nella planetaria) fino ad ottenere un composto soffice e spumoso
  3. Aggiungete la scorza del limone biologico.
  4. Unite un uovo alla volta alternadolo con un cucchiaio di farina
  5. Continuate in questo modo, incorporando delicatamente la farina setacciata ed il lievito. Infine aggiungiete il succo di limone.
  6. Distribuite il composto in due stampi imburrati e infarinati e cuocete in forno per circa 50 minuti fino a completa duratura.
  7. Fate la prova stecchino, il dolce internamente deve risultare asciutto.
  8. Fate raffreddare su una gratella per dolci e nel frattempo preparate la bagna e la crema.
  9. Mettete sul fuoco a fiamma bassa un pentolino con l'acqua e lo zucchero semolato, quando lo zucchero sarà completamente sciolto toglietelo dal fuoco e lasciate raffreddare fino a temperatura ambiente.
  10. Unite il VOV e tenete da parte.
  11. Montate a neve ben ferma la panna e tenetela in frigo
  12. In una ciotola campiente montate con le fruste il mascarpone e lo zucchero a velo, quando il composto risulterà cremoso aggiungete il liquore al VOV.
  13. Unite delicatemente la panna con la crema al mascarpone con movimenti dal basso verso l'alto fino a far amalgamanre per bene i due composti.
  14. Riempite una sac à poche con la bocchetta a stella e tenete da parte.
  15. Quando la torta si sarà raffreddata per bene tagliatela a fetta ( ideale sarebbe ricavare 3 fette da ogni tortina), spennellate la bagna al VOV sulla base della torta e farcite con la crema rivestend tutta la superficie con una movimento rotatorio partendo dal centro verso l'esterno della torta.
  16. Ripetete questa operazione per entrambi le tortine.
Montaggio finale del dolce
  1. Posizionate su un vassoio (o su un'altazina) la prima torta, versate un poco di crema al centro e poggiate delicatamente anche la seconda torta su quest'ultima.
  2. Rivestite la base della Madeira con una fila di lamponi, la base della torta più piccola con un giro di mirtilli blu ed infine decorate la parte superiore con una manciata di frutti di bosco, fragoline e ribes.
  3. Spolverate tutta la torta di zucchero a velo prima di portarla in tavola.
Adapted from Madeira cake di Nigella
iFood http://www.ifood.it/
Questa torta non presenta molte difficoltà nella realizzazione, ma essendo una torta “insolita” per noi italiani qualche consiglio e accorgimento nella preparazione credo sia d’obbligo.
Nel caso della torta in foto sono stati usati due stampi di grandezza 10 cm (per 10cm di altezza) e 14 cm (10 cm di altezza). Usando i due stanpi in foto dovreste ottenere una base piuttosto larga e una tortina superiore stretta e alta. Il consiglio è di riempire prima lo stampo più piccolo fino ad 1/3 della sua altezza e poi versare il restante impasto nello stampo più grande.
Potete anche decidere di presentare un’ unica torta, in quel caso avrete bisogno di due stampi da 16 cm ( altezza circa 6 cm) in cui cuocere le due torte da assemblare successivamente una sull’ altra.

Collage-prep1

Importante è poi la cottura della torta. Usando degli stampi molto alti la parte centrale della torta potrebbe risultare cruda mentre l’esterno della torta cotta. Per questo motivo è consigliabile fare una prova stecchino e nel caso la torta risultasse ancora umida continuare la cottura fino a doratura usando della carta argentata sulla superficie.
Una volta cotte, lasciate raffreddare le torte e poi sfornatele con delicatezza, avranno una consistenza molto simile a quella dei plumcake.

Collage-prep2

 La farcitura.
La crema proposta per l’interno della torta è una crema classica di solito usata anche per il frosting di torte o per i cupcakes. Panna e mascarpone insieme sono molto dolci ( a mio avviso) quindi io consiglio sempre di usare una panna non zuccherata e fresca ( quella che trovate nel banco frigo) e poi aggiungere lo zucchero a velo nella montata del mascarpone così da regolare la dolcezza a secondo il proprio gusto.
L’aggiunta del liquore nella crema deve essere fatta “necessariamente” unendo il VOV al mascarpone e non alla panna, perchè ne destabilizza la montatura, quindi rischiereste di far impazzire la panna. Potete variare anche la quantità di panna nella crema, metterne  fino ad 1/3 in più rispetto al mascarpone, in questo modo la crema sarà alleggerita in volume  meno in calorie.

Collage-prep3

Il montaggio della torta.
Questa di sicuro è la fase più divertente della torta dove la fantasia la fà da padrona. Il genere di torta realizzata nelle foto fa parte delle naked cake, un tipo di dolce che sta avendo molto successo  dove l’elemento principale del dolce è la decorazione nella sua semplicità: gli accesi colori dei frutti in contrasto con il candore della crema e la base della torta sono gli elementi visivi che vi cattureranno. Quindi potete ricreare il dolce così come vi viene presentato oppure aggiungere altra frutta, fiori (adatti all’uso alimentare!) e decorazioni di ogni tipo per rendere questo dolce elegante nella sua semplicità.
Da buona “italiana” ho voluto bagnare la torta con uno sciroppo liquoroso, in questo caso a base di VOV. Ricordate sempre di utilizzarlo a temperatura ambiente quando lo spennellate sul dolce perchè se fosse troppo caldo verrebbe assorbito con maggiore facilità e non riuscireste a gestire il gusto del dolce.

IMG_0104

La torta così composta è adatta ad essere usata per buffet o party, potete tranquillamente posizionarla su un tavolo in bella vista e tenerla a temperatura ambiente per qualche tempo, non perdera la sua compattezza e non rischierete che la crema si sciolga.

 Nel caso dovesse avanzare o nel caso in cui vi accorgeste che avete preparato una torta troppo grande il mio consiglio è di conservarla non decorata.
La madeira cake è una torta al burro , quindi molto più simile ad un plumcake della nonna che ad un pan di spagna.
Si conserva per qualche tempo morbida se non farcita, invece se doveste farcirla (come in questo caso) la tortaandrebbe conservata in frigo per non alterare la crema, ma allo stesso tempo la torta base diventerebbe troppo dura perchè il burro presente nell’impasto tenderebbe a rassodarsi molto a causa delle basse temperature del frigo.
Nel caso però siate costretti a tenerla in frigo, vi consiglio di toglierla dal frigo almeno 20 minutiprima di servirla.

IMG_0107
15 maggio 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste