News 1506 Foto1

Milano e la moda dei “Temporary Restaurant”

La nuova formula vincente della ristorazione "a tempo"

condivisioni

Come superare la crisi di questo periodo in un ambito delicato come quello della ristorazione? a Milano la soluzione è rappresentata dai “temporary restaurant“, locali a tempo, aperti per un periodo più o meno breve, che cavalcando l’onda dell’Expo offrono ai foodies milanesi soluzioni interessanti per qualità e creatività. Una formula utilizzata poco tempo fa anche da Mc Donald’s per proporre in forma “anonima” ad ignari clienti i propri panini pubblicizzandoli quali “gourmet”, un modo particolare per valutare la sensibilità del palato degli appassionati.

Tanti i locali che in questi mesi aprono e chiudono offrendo nei pochi mesi di servizio soluzioni spesso innovative o di alto livello, ma c’è anche spazio per il bio, cucina di altri continenti, ristoranti di chef televisivi e l’omaggio ad un grande della musica.

Tra quelli da segnalare c’è sicuramente “Al Cortile“, il nuovo «Bio temporary restaurant» aperto dalla Food Genius Academy che ha fornito alla cucina del locale i suoi migliori alunni del corso di alta cucina e pasticceria. Per chi vuole concedersi una serata extra lusso c’è il “Priceless“, caratterizzato da una vista spettacolare e dall’originale architettura, visto che il locale è tutto trasparente. 

Il “Langosteria Fish Bar” è il terzo locale del gruppo di Enrico Buonocore, destinato a chiudere i battenti a settembre. Sito nel giardino del Superstudio Più di via Tortona offre pesce, crudo o cotto, ma anche piatti di terra. Al “Pavarotti Milano Restaurant Museum” si può mangiare ed ascoltare musica classica. Il menu è al cento per cento modenese, ed i prezzi sono «democratici»: il menu base infatti è proposto al prezzo di 15 euro

Chiudiamo menzionando “Il Lusso della semplicità“, locale dello chef televisivo Alessandro Borghese, aperto nel dehor dell’Enterprise hotel, nel quale i clienti assaggeranno ogni settimana menu diversi tra quelli proposti nella nuova trasmissione tv di Borghese su Sky Uno, Alessandro Borghese Kitchen Sound ed il “Mercato Metropolitano“, che non è un ristorante vero e proprio ma in questo Mercato, sito negli spazi di un vecchio deposito delle Ferrovie a Porta Genova, si può mangiare pizza, piadine, carne alla griglia, street food e tanto altro.

15 giugno 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste