biancomangiare orizzontale

Biancomangiare

Il dolce del Gattopardo

condivisioni
Il biancomangiare è un dolce molto diffuso nelle case dei siciliani perché è un dolce elegante, sia per l’occhio che per il palato. 
Tomasi di Lampedusa lo cita nel suo famoso Il Gattopardo: “Mentre degustava la raffinata mescolanza di biancomangiare, pistacchio e cannella racchiusa nei dolci che aveva scelti, don Fabrizio conversava con Pallavicino”.
L’origine di questo dolce si crede che possa derivare dall’antica ricetta francese di un piatto a base di riso cotto nel latte; probabilmente deve il suo nome al fatto che nella composizione prevalgono ingredienti di colore bianco, come il latte o le mandorle.
La presenza di latte (di mandorla in origine, poi ovino e bovino), di amido, zucchero e riso è costante nel tempo, anche se le componenti andranno via via arrichendosi di vaniglia, cannella, buccia di limoni, cioccolato a pezzetti etc…
La ricetta che vi propongo è quella che mi preparava mia nonna Ines: lei era un’esteta, le piacevano le cose belle ed amava circondarsene. Ogni qualvolta che preparava il biancomangiare lo arricchiva e lo decorava a renderlo trionfante; la mia versione preferita è quella che vedete nelle foto con limone e granella di pistacchi.
biancomangiare 1
biancomangiare 2
biancomangiare 6
Stampa
Biancomangiare
2015-07-28 14:32:58
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Difficoltà
1.5
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Ingredienti
  1. 1 litro di latte alta qualità
  2. 120 gr di zucchero semolato
  3. 75 gr di amido di mais
  4. la buccia di 1 limone non trattato
  5. 1 cucchiaio di pistacchi di Bronte
Istruzioni
  1. Scaldate il latte, tenendone da parte 1/2 tazza, con la buccia del limone e lo zucchero. Sciogliete l’amido nella 1/2 tazza di latte, versate il composto nel latte caldo e lasciate addensare mescolando spesso. Levate la buccia di limone e versate la crema negli stampini singoli da budino leggermente inumiditi o in uno stampo a ciambella, che avrete bagnato con dell'acqua, fate raffreddare in frigorifero per almeno 5-6 ore. Al momento di servire, sformate il biancomangiare guarnendolo con qualche pistacchio di Bronte tritato e delle zeste di limone.
Note
  1. Se volete potrete provare la versione alle mandorle sostituendo il latte bovino con quello di mandorla.
  2. Ovviamente potrete decorarlo ed arricchirlo come più vi piace: mandorle tostate, cioccolato, cannella… insomma sbizzarritevi!
iFood http://www.ifood.it/
biancomangiare 5
biancomangiare 7
biancomangiare step
biancomangiare 3
6 agosto 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste