loacker_blogtour_3

Dove nasce la bontà Loacker?

Un viaggio tra passione, natura e dolcezza

condivisioni

Siete pronti per un viaggio in un luogo magico, tra monti, nuvole soffici, aria purissima, wafer, cacao e tanta dolcezza? Bene, cosa state aspettando? Preparate i bagagli perché oggi vi porto a Bolzano alla scoperta della bontà naturale Loacker, nata  nel 1925 dal sogno di diffondere gioia nel mondo con biscotti wafer e cioccolato. Un sogno così non poteva che nascere da un cuore nobile e quello di Alfons Loacker doveva esserlo davvero. 

Loacker_blogtour_1

Gironzolando per la bellissima Bolzano sono alla ricerca di qualche indizio per scoprire cosa fa rivivere ancora oggi quell’antica visione onirica di bontà. Una scia di cacao viene in mio aiuto e mi porta lì dove quel sogno friabile nacque: una piccola pasticceria artigianale (la trovate nei pressi della Chiesa dei Domenicani, il personale sarà contentissimo di raccontarvi tanti aneddoti su prodotti e fondatori).

Subito la mia attenzione è richiamata dai pezzetti di wafer che mi fanno strada fino alla Moccaria, il Loacker Point di Bolzano, dove mi salutano torte golose, cascate di creme al cacao, gardena, fondute, muffin, caffè dalle miscele speciali, gelati, snack salati. Un angolo di pura gioia, in cui sentirsi coccolato e abbandonare ogni pensiero negativo. Un angolo da portare con sé, in cui poter acquistare prodotti e gadget Loacker (i porta tortine e i calendari dell’avvento sono bellissimi, e per far assaporare un po’ di dolce magia potere sempre regalare ai vostri cari la box “The best of chocolate & wafer cookier” con una grande varietà di prodotti – credo li lascerete davvero senza parole).

blogtour_loacker

Ma…ma cosa vedo dalla vetrata? Una scia di bontà morbida e scintillante. Mi saluta e mi chiede di seguirla, dice che vuole portarmi lì dove lei si unisce alle nocciole campane, al cioccolato della Costa d’Avorio, al latte fresco e a tutti gli altri ingredienti pregiati e scelti con grande cura, lì nello stabilimento Loacker ad Auna di sotto (BZ), nel cuore delle dolomiti, a pieno contatto con la natura.

loacker_blogtour_3

Al mio arrivo, lo sguardo del monte Sciliar (sì, quello che trovate raffigurato sulle confezioni – vi assicuro che dal vivo toglie il fiato) mi abbraccia. La simpatia di Mestolo, l’allegro nanetto mascotte, e di tutto il personale mi  travolge. Sorrisi che riscaldano, occhi che salutano pieni di gioia. Forse la bontà Loacker nasce proprio lì, nel cuore chi ogni giorno lavora con passione per far crescere quell’antico sogno antico. 

loacker_blogtour_2

Mestolo agita il suo cappello e come per magia, dopo una passeggiata tra il profumo di cialda ancora calda, creme di cacao e forni colossali, mi mette alla prova sfidandomi nella farcitura di un friabilissimo wafer.

Un giorno da pasticciere, insieme ad altri ospiti ghiotti e curiosi come me, i vincitori del concorso “La bontà vince”.

E voi lettori, che ne dite di sfidare la fortuna e partecipare all’ultima iniziativa Loacker? La raccolta punti  “La Bontà ti premia sempre” vi aspetta, magari i prossimi fortunati potete essere proprio voi. Qui il regolamento.

loacker_collageIntanto, da quest’angolo di paradiso è tutto. Alla prossima avventura 😉

23 ottobre 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste