aimalbrothers.com

Olio di Palma: 10 domande in cerca di risposte

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade promotori di una petizione in rete

condivisioni

In un periodo caratterizzato da grandi crociate contro gli alimenti considerati dannosi per la nostra salute, viviamo quasi quotidianamente il valzer di dichiarazione e smentite relative alle pericolosità, presunta o tale, della carne rossa, del caffè, dei formaggi e di altri prodotti la cui composizione può comportare gravi rischi.

C’è però un elemento che da qualche tempo mette d’accordo praticamente tutti: parliamo dell’Olio di Palma, di cui abbiamo già scritto in passato (qui l’articolo), e che occupa sempre più un ruolo centrale nel dibattito cibo-salute. Il suo diffuso utilizzo, unitamente alle pratiche necessarie per la sua estrazione, particolarmente dannose per l’ambiente, ne fanno probabilmente il nemico numero uno dei salutisti.

In questo contesto si inserisce la petizione, promossa da “Il Fatto Alimentare” e “Great Italian Food Trade“, che finora ha raccolto 163 mila firme, che chiede a Paolo Barilla di chiarire la posizione delle aziende e di rispondere a 10 domande. Perché proprio Paolo Barilla? perché è il presidente di Aidepi (associazione che raggruppa le aziende produttrici di biscotti, merendine, dolci), e perché in una recente conferenza stampa tenuta alla Camera dei deputati ha ribadito il concetto che l’olio di palma è una materia prima di ottima qualità, evidenziando anche le caratteristiche, ritenute migliori del burro. Affermazioni che vanno in direzione opposta rispetto a quanto ribadito da più parti per quel che concerne i numerosi aspetti negativi che implica la coltivazione di questo elemento.

Ma ecco le 10 domande nel dettaglio:

1 Se l’olio di palma è un ingrediente di pregio come sostiene l’industria, come mai fino a 10 mesi fa non compariva nell’elenco degli ingredienti riportato sulle etichette, ed era abilmente occultato dietro la dicitura “oli vegetali”?

2 Perché l’olio di palma non viene venduto nei supermercati come gli altri oli di semi?

3 Perché, pur avendo caratteristiche simili al burro non viene usato in casa per preparare torte e biscotti? Non compare nei ricettari di cucina e non figura tra gli ingredienti dei grandi chef?

4 Secondo Aidepi l’olio di palma utilizzato nelle aziende alimentari “rispetta l’ambiente”, ma per arrivare in Italia l’olio viene trasportato in nave per oltre oltre 10.000 km e per ottenerlo vengono distrutte foreste pluviali. Come conciliare questi elementi?

5 Secondo Aidepi il consumo di acido palmitico derivante dall’olio di palma presente nei dolci è circa 2,8 g al giorno. Ma i dati più recenti del Crea Nut ritengono che un adolescente ne assume una quantità più che doppia. Lei sa che le statistiche da voi utilizzate sono superate?

6 Perché a livello scientifico Aidepi presenta i dati di una ricerca finanziata dall’industria e realizzata dell’Istituto Mario Negri di Milano e non considera i pareri dell’Agenzia per la sicurezza alimentare francese (Anses) e del Consiglio superiore della sanità del Belgio che sconsigliano l’uso del palma?

7 Perché sostiene che l’olio tropicale è difficilmente sostituibile? In commercio ci sono 225 biscotti, 95 snack e grissini, 50 creme alla nocciola e 40 merendine senza palma e anche nell’assortimento di Mulino Bianco ci sono 24 prodotti palma free.

8 È vero che sostituire l’olio di palma nei biscotti e nei prodotti da forno con altri grassi vegetali come mais o girasole ha un costo poco rilevante rispetto al prezzo di vendita al dettaglio?

9 Perché il 14 ottobre 2015 in una conferenza stampa alla Camera dei deputati lei ha dichiarato che le aziende “elimineranno l’olio di palma” e il giorno dopo ha smentito questa sua dichiarazione?

10 È vero che i soldi per finanziare la recente campagna pubblicitaria sui giornali (costata oltre un milione di euro) sono stati offerti da associazioni o gruppi di produttori-esportatori di olio di palma di Paesi del sud-est asiatico?

Questo il link per seguire su Change.org gli aggiornamenti della petizione LINK

5 novembre 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste