316FOD

La dieta vegetariana deleteria per l’ambiente?

Una ricerca americana dimostra che alcuni vegetali sono meno ecosostenibili della carne

condivisioni

Appena pubblicato il nuovo capitolo della saga “Cibi dannosi per l’uomo e per la terra“: questa volta sotto accusa ci finisce la dieta vegetariana, quella che sembrava potesse essere la miglior scelta per salvaguardare la salute del pianeta. Da oggi finocchi, peperoni e lattughe verranno visti con occhi diversi! Infatti secondo uno studio pubblicato sulla rivista Environment Systems and Decisions mangiare lattuga è addirittura tre volte più dannoso che mangiare carne.

Il discorso però può esser tranquillamente esteso anche agli altri ortaggi, che risulterebbero (dalla ricerca effettuata) esser meno ecosostenibili della carne di pollo e di maiale. Prendendo in considerazione una stessa quantità di calorie si è potuto osservare che la di melanzane e cetrioli consuma più acqua ed energia, producendo più gas serra. I ricercatori della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, in Pennsylvania, hanno quindi fornito un nuovo argomento di discussione nell’accesa polemica in corso tra vegetariani e carnivori.

C’è una complessa relazione tra alimentazione e ambiente” – ha affermato la ricercatrice Michelle Tom, dottoranda in ingegneria civile e ambientale – “Ciò che è buono per la nostra salute non è sempre buono per l’ambiente ed è importante che ne siano consapevoli quei decisori che elaborano le linee guida per l’alimentazione“.

Scopriamo di colpo che l’impatto ambientale delle diete vegetariane e quelle più salutiste (che quindi privilegiano frutta, verdura e pesce) è molto più pesante rispetto a quanto ipotizzato fino ad oggi. I ricercatori hanno effettuato un calcolo prendendo in considerazione le risorse necessarie per la produzione, il trasporto, la vendita e la conservazione casalinga dei prodotti alimentari, misurandola in termini di acqua, consumo energetico ed emissione di gas serra. Lo stesso tipo di calcolo è stato poi eseguito seguendo le indicazioni del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (Usda) per una dieta più sana. I risultati hanno dimostrato che un maggior consumo di frutta, verdura, latticini e pesce finirebbe con l’aumentare i consumi energetici quasi del 40%, mentre l’acqua utilizzata salirebbe del 10% e le emissioni di gas serra più del 5%.

 

18 dicembre 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste