peanut crunchy brownies or

Brownies croccanti alle arachidi (gluten free)

Il famoso dolcetto americano, doppio strato e bontà al quadrato

condivisioni

I brownies sono sempre una golosa tentazione e cui è difficile dire di no.
Aggiungiamo adesso ad un morbido strato cioccolatoso, che si scioglie letteralmente in bocca, una croccante base alle arachidi; sostituiamo la farina di riso alla comune farina di frumento ed avremo una tentazione gluten free davvero irresistibile che rende tutti felici, grandi e piccini, celiaci e non.
Il doppio strato e la doppia cottura rendono la preparazione un po’ più lunga rispetto a quella dei classici brownies, ma la golosità del risultato ripagherà adeguatamente il maggior tempo impiegato.
peanut crunchy brownies collage

Stampa
Brownies croccanti alle arachidi
2015-12-09 21:37:53
Per 12 persone
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Difficoltà
2.5
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Ingredienti
  1. - per lo strato brownies al cioccolato
  2. 115 g di burro morbido
  3. 115 g di cioccolato al 66-72% di cacao (ottimo l'extra fondente 70% Caffarel)
  4. 250 g di zucchero semolato
  5. 60 g di farina di riso
  6. 2 uova grandi
  7. 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  8. ¼ cucchiaino di sale
  9. - per lo strato croccante alle arachidi
  10. 55 g di burro morbido
  11. 100 g di zucchero di canna dulcita
  12. 60 g di farina di riso
  13. 1 uovo grande
  14. 160 g di crema di arachidi naturale con pezzi
  15. ½ cucchiaino di estratto di vaniglia
  16. ¼ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  17. ¼ cucchiaino di sale
Istruzioni
  1. Imburrate uno stampo quadrato da 23 cm di lato e foderatelo di carta forno, facendo in modo che la carta sbordi su tutti e quattro i lati.
  2. Per lo strato di cioccolato, riunite burro e cioccolato in una ciotola resistente al calore e ponete a bagnomaria, mescolando frequentemente, fino a che il cioccolato è completamente fuso, la crema liscia e piuttosto calda al tatto.
  3. Aggiungete lo zucchero e rimuovete dal fuoco.
  4. Con l'aiuto di un grosso cucchiaio incorporate le uova, la vaniglia e il sale.
  5. Il composto dovrebbe risultare molto liscio; se non lo fosse, rimettete la ciotola a bagnomaria per mezzo minuto, mescolando costantemente.
  6. Aggiungete la farina setacciata e lavorate con un cucchiaio per circa 1 minuto, fino a che l’impasto si stacca dalle pareti della ciotola.
  7. Tenete da parte.
  8. In una seconda ciotola, con un grosso cucchiaio o con una spatola mescolate tutti gli ingredienti dello strato croccante alle arachidi fino anche sono molto ben amalgamati.
  9. Distribuite uniformemente il composto sul fondo dello stampo preparato e fate cuocere in forno caldo a 175°C per 8-10 minuti, fino a che è leggermente più scuro ai bordi.
  10. Rimuovete la teglia dal forno e, con l'aiuto di un cucchiaio, distribuite delicatamente l’impasto al cioccolato in modo uniforme sulla base calda.
  11. Rimettete in forno e lasciate cuocere per 20-22 minuti, o fino a che la superficie è asciutta e i brownies si staccano leggermente dalle pareti dello stampo.
  12. Trasferite su una griglia e lasciate raffreddare completamente nello stampo.
  13. Quando completamente freddi, con l’aiuto della carta forno, trasferite i brownies su un tagliere e ritagliate 25 quadrati.
  14. Enjoy!
Adapted from "Flavor Flours: A New Way to Bake with Teff, Buckwheat, Sorghum, Other Whole & Ancient Grains, Nuts & Non-Wheat Flours" di A. Medrich
Adapted from "Flavor Flours: A New Way to Bake with Teff, Buckwheat, Sorghum, Other Whole & Ancient Grains, Nuts & Non-Wheat Flours" di A. Medrich
iFood http://www.ifood.it/
peanut crunchy brownies vert
I brownies si conservano in un contenitore ermetico a temperatura ambiente per 3-4 giorni, ammesso che riescano a durare così a lungo!

Usate una crema di arachidi al naturale, senza aggiunta di altri ingredienti (zucchero, grassi o altro) ad eccezione, eventualmente, di sale.
Se non trovate la crema di arachidi con pezzi, usate 145 g di crema di arachidi “cremosa” e aggiungete 15 g di arachidi tostate tritate.
Perchè i brownies siano davvero “gluten free” controllate sempre che gli ingredienti potenzialmente a rischio riportino il simbolo della spiga barrata o la dicitura “senza glutine”.

18 gennaio 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste