Muscat

Oman: la grande Moschea di Muscat

Cosa vedere a Muscat durante una Crociera Msc Emirati Oman: #Mscmusica

condivisioni

Il Sultanato dell’Oman è una delle mete più ambite del Medio Oriente: seppur localizzato tra due colossi del petrolio (che di storia millenaria hanno poco, come gli Emirati Arabi Uniti), l’Oman è rimasto ancora nell’immaginario collettivo come uno dei paesi dal fascino delle famose storie de Le mille e una notte. E infatti, tra le tappe più attese della crociera Msc Emirati a bordo di Msc Musica, vi è proprio quella di Mascate, la capitale dell’Oman.

moschea mascate

Mascate, meglio conosciuta con il nome inglese di Muscat, è una delle città più antiche del Medio Oriente. Il suo nome deriva dal luogo del commercio di incenso, già florido ai tempi dei romani. Ai tempi, si chiamava Khur Ruri, ma i Greci la ribattezzarono in Muscat e, da allora, rimase con questo stesso nome. La sua bellezza, il suo ordine e la sua incredibile pulizia le hanno valso il titolo di seconda città più pulità al mondo.

In effetti, percorrendo le strade della città, si ha subito la sensazione di essere in una città in cui regna il rigore, la pulizia e l’ordine essenziale, caratteristiche che quasi cozzano con l’idea che si ha di una città arabeggiante. Ma poi basta visitare la Grande Moschea del Sultano Qaboos per ritrovarsi immerse nell’atmosfera fiabesca delle storie de Le Mille e una notte.

La moschea è stata completata nel 2001 ed è circondata da cinque minareti, simbolo dei cinque pilastri dell’’Islam, che sono:

  1. Le testimonianze di fede 
  2. Le preghiere rituali 
  3. L’elemosina 
  4. Il digiuno durante il mese di Ramadan 
  5. Il pellegrinaggio a La Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo 

Sia l’esterno che l’interno sono particolarmente curati. In particolare, la cosiddetta stanza degli uomini, tra le sale più belle della moschea, ha il secondo tappeto più grande al mondo (oltre quattromila metri quadrati, annodato da 600 donne in 4 anni di lavoro), un imponente lampadario di cristallo interamente in cristallo di Swarosky e può contenere fino a 7000 uomini. interno moschea

L’intera moschea può ospitare fino a 20.000 fedeli ed è aperta, dalle 8 alle 11, a chiunque (anche persone non di fede musulmana), ad esclusione del venerdì.

La visita della moschea viene organizzata da Msc, che offre agli ospiti diverse soluzioni di itinerario, con avvertimento della circostanza che i bambini sotto i 10 anni non sono ammessi e che esiste un codice di abbigliamento ben preciso: tutte le persone devono avere gambe, caviglie, spalle, braccia e capelli ben coperti. Le guardie all’entrata dispongono di un insindacabile e incontestabile diritto di giudizio sull’ammissibilità o meno del visitatore. 

La Grande Moschea  Sultan Qaboos di Muscat è uno straordinario esempio di architettura islamica moderna, rappresentativa della volontà di un paese di unire il passato con il presente ma, soprattutto, di accogliere migliaia di persone, non solo musulmani.

moschea di muscat

L’Oman: regime politico, religioso e informazioni generali

Il Sultanato dell’Oman, come dice la parola stessa, è governato dal sultano, il quale è sia Capo dello Stato sia Capo del governo. In pratica, egli detiene un potere di stampo assolutistico. Nonostante ciò, gran parte degli abitanti sembra approvare il suo operato, visto lo sviluppo del sistema economico negli ultimi trent’anni e la graduale apertura verso la democrazia. Gli omaniti sono persone molto disponibili e ospitali. Le donne girano con il volto coperto e lasciano intravedere solo gli occhi, ma non sussiste alcuna forma di discriminazione nei confronti della straniera turista (fermo restando le prescrizioni all’entrata della moschea). Vige ancora la poligamia ma, di fatto, è poco diffusa. Questo perchè è lo stesso Corano che impone un ugual trattamento verso tutte le mogli, pur riconoscendo: “anche se lo desiderate non potete agire con equità con le vostre mogli” (Corano An-Nisâ 4,129). La Legge Fondamentale dell’Oman ha dichiarato l’islam religione di Stato e pur essendo la sharia principale fonte della legislazione nazionale, l’Oman è lontano anni luce dagli stati in cui vige l’integralismo islamico. Girare il paese non è  affatto pericoloso e i turisti sono benvenuti. L’Oman, infatti, è un paese che vuol aprirsi sempre più al turismo e durante la crociera Msc Emirati-Oman, potrete far ingresso nel paese senza grandi formalità poichè la compagnia provvede a tutto. 

QUI trovate l’itinerario della nave Msc Musica.

QUI la tappa di Muscat e le escursioni disponibili.

QUI le altre foto della rotta Msc Emirati-Oman

20 gennaio 2016

Le Ricette Più Viste