News 1102 Foto1
eventi - news

Il Futurismo di “Culinaria, Il Gusto dell’Identità”

L'avanguardia futurista sarà il tema della nuova edizione della kermesse capitolina

condivisioni

Imbottire le trote con noci tritate e friggerle in olio d’oliva. Avvolgerle in sottilissime fette di fegato di vitello”. È la “Trota immortale“, una delle ricette della cucina futurista lanciata 85 anni fa dal Manifesto della Cucina Futurista di Marinetti. Sarà proprio il Futurismo il tema della decima edizione di ‘Culinaria, Il Gusto dell’Identità’, che torna a Roma sabato 20 e domenica 21 febbraio con ospiti italiani e internazionali. “Alcune ricette dell’epoca sono stravaganti, ma la creatività e l’avanguardia a tavola sono principi validi ancora oggi – spiegano gli organizzatori Francesco Maria Pesce e Fabrizio Darini –. ‘Mangiare con arte per agire con arte’, sosteneva Marinetti: noi abbiamo voluto riprendere questo concetto dando spazio alla cucina, certo, ma anche alla buona musica e ad alcune performance estemporanee di giovani artisti”.

Perché è stato scelto proprio il tema del Futurismo? l’idea degli organizzatori è quella di rivalutare dal punto di vista artistico un periodo storico caratterizzato da un grande fervore e da importanti innovazioni in diversi campi, tra cui appunto la cucina. Ma anche perché, dopo ben 85 anni dal suo lancio, le idee che erano alla base del “Manifesto della Cucina Futurista” si ritrovano in quelli che sono i cardini della cucina moderna.

Mangiare con arte per agire con arte” sosteneva Marinetti. E questa decima edizione di Culinaria si preannuncia sorprendete, caratterizzata dalla voglia di stravolgere il classico, essere anticonformista come i primi Futuristi, riproporre quel concetto di “Cibosofia” in cui odore, sapore, colore e forma rivivono in quelle che, un secolo fa, furono considerate ricette eccentriche ma che, in realtà volevano solo portare un nuovo ottimismo a tavola.

Ma cosa deve aspettarsi chi entra a Culinaria? Alcuni tra i più importanti Chef italiani e internazionali, che si alterneranno sul palco per realizzare spettacoli culinari d’avanguardia. Ciascuno di loro illustrerà la propria idea di cucina, le ultime tendenze creative e le nuove frontiere enogastronomiche, giocando con le consistenze e sperimentando nuove tecniche. 

Al Futurismo saranno ispirati anche i menù degli chef: sabato riflettori puntati, tra gli altri, sugli spettacoli culinari di Chef Rubio e Cristina Bowerman, mentre la domenica sarà la volta di Massimo Bottura di Osteria Francescana, il secondo ristorante al mondo nella lista dei “The World’s 50 Best Restaurants Awards 2015“, e Gianfranco Pascucci. Ma nella due giorni ci sarà spazio anche per Paolo Lopriore, Roy Caceres, Franco Pepe, Yoji Tokuyoshi, Anthony Genovese e Kotaro Noda.

Culinaria – Il gusto dell’Identità” 

sabato 20 febbraio 2016 dalle 13.00 alle 2.00; domenica 21 febbraio 2016 dalle 12.00 all’1.00
Capitol Club di Roma, via Giuseppe Sacconi 39
Ingresso: 10 € (gratuito per i bambini sotto i 13 anni); 15 € carnet sabato + domenica (acquisto solo online)

11 febbraio 2016

Le Ricette Più Viste