parchi usa evidenza

Grandi Parchi Americani

In viaggio tra Utah e Arizona alla scoperta della natura selvaggia

condivisioni

Se siete alla ricerca di meraviglie naturali stupefacenti, di luoghi misteriosi, di paesaggi immensi ed emozionanti, i Parchi Nazionali Americani sapranno accontentarvi pienamente.
Meta classica dei viaggi di nozze, si prestano ad essere visitati in tutte le stagioni dagli amanti del trekking e della natura o semplicemente da turisti alla ricerca di luoghi mozzafiato. 
Questi parchi si concentrano nell’Ovest degli Stati Uniti, ma in realtà tutto il territorio americano offre scenari naturali affascinanti che si estendono a perdita d’occhio.
Io vi porto alla scoperta di 5 parchi situati nella zona fra Utah e Arizona: Antelope Canyon, Grand Canyon, Monument Valley, Bryce Canyon e Zion Park.

Pronti all’avventura?

mappa parchi

Antelope Canyon, tra giochi di luce e pura magia

antelope3

Uno dei canyon più interessanti è sicuramente l’Antelope Canyon, un luogo a dir poco magico che si trova nella terra dei Navajo, a circa un quarto d’ora dalla cittadina di Page in Arizona.
Formatosi migliaia di anni fa grazie all’erosione della pietra arenaria ad opera di vento ed acqua, oggi regala un incredibile spettacolo che solo andandoci potrete realmente capire. I suoi colori brillanti e le pareti scolpite in maniera così caratteristica lo rendono una meraviglia unica. A volte viene inspiegabilmente eliminato dagli itinerari di viaggio ma, andare nei pressi di Page e non visitare l’Antelope Canyon è davvero un errore imperdonabile.

antelope1-1

Il Canyon è visitabile in due punti: l’Upper Antelope Canyon, chiamato dai Navajo “il luogo dove l’acqua scorre attraverso le rocce” che è la parte più famosa e visitata, in quanto facilmente accessibile, e il Lower Antelope Canyon, lungo oltre quattro chilometri e consigliato solo a gente più temeraria perchè vi si accede tramite scalette di ferro e un percorso non semplicissimo. Entrambi i tratti sono visitabili solo con le guide Navajo e prenotando con largo anticipo.
Nessuno sa con esattezza la data di scoperta di questo spiral canyon, certo è che il suo nome deriva dal fatto che la zona era abbondantemente popolata da antilopi.

antelope2-2

Grand Canyon, panorama da togliere il fiato

grand canyon

Il Grand Canyon è il parco nazionale più famoso d’America, una immensa gola profonda scavata nella terra che a prima vista vi lascerà senza fiato.
Visitare il Grand Canyon significa fare un tour on the road, infatti si estende per centinaia di kilometri che potete percorrere in macchina fermandovi nei punti più panoramici. In alternativa potete parcheggiare in uno dei Visitor Center e poi con gli shuttle spostarvi su diversi punti di osservazione dai quali ammirare questo spettacolo della natura.

gran canyon1

I dettagli della formazione del Grand Canyon sono ancora molto controversi e non c’è alcuna teoria autorevole sulla sua formazione. Sta di fatto che è una meraviglia della natura che custodisce milioni di anni di storia della nostra Terra. Camminare sulle rocce del Grand Canyon è un’emozione unica che ci mette a stretto contatto con la maestosità della natura.

grand canyon1

Monument Valley, là dove c’era una volta il West

monument valley3

Entrare nella Monument Valley è un po’ come essere catapultati in uno dei film di Sergio Leone: un deserto di sabbia su cui inneggiano dei giganti naturali formati da roccia e sabbia dal colore rossastro causato dall’ossido di ferro. 
 monument valley2

monument valley1

La Monument Valley è gestita dagli indiani della riserva Navajo e si trova al confine fra Arizona e Utah. Ci sono due possibilità per visitarla: la più semplice è prenotare uno dei tanti tour guidati organizzati dagli indiani nativi, oppure potete optare per una soluzione più avventurosa e perlustrare la valle con la vostra macchina. Con gli indiani potrete accedere a delle zone a cui non è permesso arrivare da soli, ma se avete noleggiato un fuoristrada o una jeep riuscirete tranquillamente a girare per la valle e a divertirvi a guidare sul percorso sterrato ammirando un panorama che vi lascerà…a bocca aperta!

monument valley4

Bryce Canyon, un anfiteatro scolpito dalla natura

bryce canyon

Il Bryce Canyon è caratterizzato dagli hoodoos, particolari pinnacoli, frutto del lavoro di erosione dell’acqua in milioni di anni. Il paesaggio è decisamente inconsueto, di una bellezza unica e di un tripudio di colori che vanno dalle tonalità del rosso all’arancio.

bryce1

La vista migliore si ha sul Bryce Amphitheater, sito nel cuore dell’area, dove si apre un panorama da togliere il fiato.
Il parco è aperto tutto l’anno ma i periodi migliori per visitarlo vanno da maggio ad ottobre e in pieno inverno quando gli hoodoos e i pini si ricoprono di neve.

bryce3

Molto affascinante è anche la vista dal Natural Bridge, alto ben 125 metri e largo 85 metri.

bryce2

Zion Park, il parco per gli amanti del trekking

zion 1

Lo Zion Park si presenta con pareti a strapiombo su panorami di incredibile bellezza che attirano gli amanti della fotografia e del trekking.
Il Parco ha una superficie di quasi 600 km² e un’altitudine che varia dai 1.128 m ai 2.660 m del monte Horse Ranch. Il cuore del Parco è il canyon chiamato appunto Zion, una valle lunga 8 miglia, scavata dal fiume Virgin. Qui terra e roccia si fondono con l’acqua nel corso del fiume, creando splendide rive e specchi d’acqua dai colori dell’arcobaleno.

zion2

Le agenzie locali propongono varie escursioni per visitarlo: a cavallo, a piedi o percorsi di arrampicata per esperti.

Canyon road mountains

Il parco è veramente un paradiso per i fotografi, con viste mozzafiato da ogni punto della bussola.
Qui la fauna è molto variegata e non sarà strano imbattersi in cani della prateria, bufali e bisonti, scoiattoli, cerbiatti e tanti altri animali caratteristici della zona.

zion3
zion4

Informazioni utili:

Per visitare questi Parchi, la cosa migliore è arrivare a Las Vegas, visitarla uno o due giorni e poi partire da lì alla scoperta delle meraviglie naturali più ambite e stupefacenti di tutti gli Stati Uniti.
L’ingresso ai Parchi è a pagamento (non si paga a persona ma a veicolo) e ogni attrazione costa fra i 20$ e i 30$, pertanto è consigliabile fare la National Parks Pass, una tessera parchi che al prezzo di 80$ vi consentirà di visitare i Parchi Nazionali per un anno intero. 
Gli unici Parchi che non sono compresi nella tessera sono quelli delle Riserve Indiane, come ad esempio Monument Valley e Antelope Canyon, in quanto gestiti direttamente dagli Indiani e non dal Governo Americano. 

Dove comprare la National Parks Pass? Potete acquistarla online sul sito ufficiale, oppure comprarla all’entrata di un qualsiasi Parco, chiedendola direttamente al ranger. Volendo, visto che è possibile girare la tessera a terzi, potete anche ottenerla da qualcuno che l’ha già usata e risparmiare così un po’ di soldini. 

I Parchi  sono tutti molto ben organizzati, con cartine, indicazioni e illustrazioni, con navette gratuite e con addetti che rispondono gentilmente ad ogni domanda dei visitatori. All’ingresso di ogni Parco inoltre troverete un ranger che vi consegnerà la mappa della zona ed il bollettino settimanale con informazioni sul meteo, sulla viabilità e sugli eventi in programma.

Per visitare questi Parchi considerate almeno 10 giorni o ancora meglio 2 settimane e alloggiate nelle cittadine nei pressi dei Parchi, come Page a poche miglia dall’Antelope Canyon, Kayenta nei pressi della Monument Valley o Kanab vicino allo Zion Park…E’ una soluzione più economica rispetto a dormire all’interno dei Parchi (in alcuni sono presenti delle strutture dove pernottare) e così riuscirete a vedere anche un po’ di vera America. 

Per ulteriori approfondimenti sui singoli Parchi:

Antelope Canyon: http://navajotours.com/

Grand Canyon: https://www.nps.gov/grca/index.htm

Monument Valley: http://www.navajonationparks.org/htm/monumentvalley.htm

Zion Park: http://www.nps.gov/zion/index.htm 

Bryce Canyon: https://www.nps.gov/brca/index.htm

10 settembre 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste