“Attimi”: un posto ‘fast’ per cibo ‘slow’

Heinz Beck ha presentato il nuovo ristorante, aperto nell'aeroporto di Roma Fiumicino

condivisioni

Per molto tempo l’offerta ristorativa all’interno dei nostri aeroporti è stata caratterizzata da una qualità piuttosto standardizzata. Negli ultimi anni si è però verificata una netta inversione di tendenza, grazie all’apertura di nuovi caffè, ristoranti e locali, ideati e strutturati con la consulenza di chef importanti, che hanno dato un nuovo volto al panorama food per i viaggiatori che trascorrono alcune ore in aeroporto.

La sequenza di nuove aperture ha raggiunto in questi giorni il suo apice, grazie all’inaugurazione di “Attimi“, il ristorante di Heinz Beck, lo chef 3 stelle Michelin de “La Pergola” a Roma. Situato nella nuova area di imbarco E di Fiumicino, il locale (definito da Beck “un posto fast per cibo slow“) è caratterizzato dall’attenzione per il tempo: sono stati infatti creati tre diversi da 30, 45 o 60 minuti, declinati in base a quanto il cliente può aspettare in attesa della partenza. Con 70 posti e 260 mq di superficie Attimi consentirà ai viaggiatori di “mangiare adeguatamente, poiché questa è una delle preoccupazioni principali quando ci si trova in paesi stranieri e di cui si conoscono poco le consuetudini gastronomiche. Spezie, profumi, metodi di preparazioni sono elementi che nel metabolismo già messo a dura prova dal jet lag diventano veri e propri fattori fisicamente determinanti. Ho pensato ai menù di Attimi, al suo format, ragionando sul fatto che al di là della legittima curiosità, quando ci troviamo in paesi diversi dal nostro cerchiamo ‘familiarità’ nel cibo per sentirci comunque a casa e nutrirci nella maniera più sana” ha affermato Heinz Beck.

Il ristorante è stato ideato in collaborazione con Chef Express, rappresentata dall’AD Cristian Biasoni che ha aggiunto “Attimi di Heinz Beck conferma ancora una volta la passione della nostra azienda alla collaborazione in progetti di altissima qualità. Questo proposto con la Beck & Maltese consulting è la dimostrazione che anche chi viaggia può vivere nel momento del pasto una esperienza unica, come solo lo chef Heinz Beck sa offrire a livello internazionale; quello che vogliamo, è che chi arriva in Italia, e chi parte dal Belpaese viva emozioni indimenticabili, speciali, come quelle che solo la nostra Terra, il suo patrimonio artistico e le sue eccellenze sanno proporre“.

I piatti assaggiati nel corso del pranzo ha confermato le straordinarie capacità dello Chef e della sua brigata: la “Tartare di Capasanta” con la sua freschezza, il “Cous Cous di Peperoni” dal sapore sorprendente e ancora gli antipasti in carta, come la “Tartare di manzo e cetrioli su crostino di pane“, molto delicata; quindi i “Tortellini di cappone, su crema di zucca, salsa al parmigiano e amaretti“, un piatto fantastico, intenso, con sapori e consistenze che convivevano in un perfetto equilibrio. Quindi la carne dell’impeccabile cottura, con “Anatra in salsa teryaki e manzo con curry rosso e lemongrass“, e la chiusura con il solito irresistibile dessert, questa volta il “Tiramisù“. Un sosta eccellente, al punto da farmi pensare che converrebbe programmare un viaggio per poter aver la possibilità di tornare a gustare uno degli “Attimi” di Heinz Beck.

news 2501 foto5
news 2501 foto2
news 2501 foto4
news 2501 foto7
news 2501 foto10
news 2501 foto11
news 2501 foto12
news 2501 foto13
25 gennaio 2017

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste