Un weekend alla scoperta dell’azienda Farchioni

Un viaggio nelle colline umbre tra uliveti, vigneti e campi di farro

condivisioni

Un weekend nelle campagne umbre alla scoperta dell’azienda Farchioni e dell‘umbria jazz.
Il tour è iniziato sabato nel primo pomeriggio con la visita all’oleificio Farchioni e al nuovissimo birrificio di Mastri Birrai Umbri che abbiamo potuto visitare in anteprima.

L’azienda Farchioni nata nel 1780 è un azienda ancora oggi a conduzione familiare che produce olio, farina, birra e vino.
La politica dell’azienda ha alla base la qualità dei processi, la tutela dell’ambiente e la sicurezza sia dei propri lavoratori, sia degli alimenti che produce.

Dopo un veloce aperitivo e una presentazione dell’azienda siamo passati subito al corso di assaggio di olio extravergine di oliva, dove abbiamo potuto imparare come si riconosce un olio di buona qualità. Sapevate che per degustare al meglio un olio è necessario scaldarlo e prima di assaggiarlo, annusarlo ripetutamente, per sentire tutto il suo aroma?

Dopo l’assaggio invece abbiamo visitato l’oleificio Farchioni olii per scoprire come viene imbottigliato e preparato alla vendita l’olio.

La famiglia farchioni oltre all’olio produce anche la birra Mastri Birrai Umbri. Idea nata dal secondogenito dopo un viaggio nella patria della birra, la Germania, ha pensato di utilizzare i prodotti del territorio per produrre una birra Made in italy con prodotti genuini e di qualità.

Noi abbiamo avuto la possibilità di visitare in anteprima il nuovo birrificio, ancora in costruzione che sarà inaugurato nel 2018.
Per finire dopo aver visto dove viene prodotta non potevamo non provare la Birra Mastri Birrai Umbri.

 Per l’ultima tappa di sabato ci siamo spostati alle cantine Terre de la Custodia tra le colline di Gualdo Cattaneo, un bellissimo casolare dove abbiamo visitato le cantine e visto i macchinari per la produzione del vino.

Infine cena presso la foresteria Terre de la Custodia con degustazione di vini sempre Terre de la Custodia.
Per l’antipasto spumante di qualità metodo classico Gladius 2010, in abbinamento al risotto allo zafferano con pesto leggero e spuma di pomodoro il Montefalco Bianco DOC Plentis 2016, con le caramelle di pasta all’uovo farcite di faraona e tartufo un Montefalco Rosso Riserva DOC Rubium 2013, per secondo un filetto di cinta senese con confettura di albicocche abbinato a un Sagrantino di Montefalco DOCG Exubera 2006; per finire il dolce acompagnato dal Sagrantino di Montefalco Passito Melanto DOCG 2011.

La domenica ci siamo svegliati di buon’ora e insieme a Pompeo Farchioni a bordo di una jeep militare in pieno stile campagnolo ci siamo immersi nelle campagne umbre, ammirando i vigneti di Terre de la Custodia, i campi di farro e gli uliveti.
La mattinata è terminata presso il casolare Costa Cilia con un pranzo con vista uliveti.

Ultima tappa del tour Perugia e Umbria Jazz Festival; le strade della città erano affollate e la musica arrivava un pò da tutte le vie. L’atmosfera era davvero molto bella!

Aperitivo presso lo stand Mastro Birrai sponsor della manifestazione. Lo stand era un simpatico furgoncino adibito a sala per l’aperitivo!

Per finire abbiamo avuto il piacere di partecipare al concerto per i 50 anni dalla scomparsa di Tenco, tenuto da Gino Paoli, Gaetano Curreri e Giuliano Sangiorgi, un emozione unica!
Questi due giorni tra le campagne umbre alla scoperta dell’azienda Farchioni e dell’umbria jazz terminano qui, con la voglia di ritornare presto in questa bellissima regione!

Salva

15 luglio 2017

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste