Panzerotti

Un delizioso involucro dorato che nasconde un cuore rosso e filante

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 2 ore
  • Cottura: 5 minuti
  • Costo: basso
condivisioni

Il segreto della frittura? E’ la sorpresa (B. Savarin)

“Friggere è cogliere il cibo alla sprovvista, in un attimo l’olio bollente immobilizza la sua preda e la costringe a svelarsi strappandole il segreto del suo sapore! E’ lo shock della frittura a rivestire l’elemento di preziosità, donandole quel caratteristico colore dorato”.

La pasta fritta è la migliore tradizione della cucina pugliese e rappresenta la fantasie delle donne pugliesi che  da sempre si sono sbizzarrita ad arricchire una semplice pasta fritta con i più svariati ripieni.

Caposaldo dei fritti pugliesi sono i panzerotti,non solo rappresentano  uno dei tanti  street food pugliesi ma sono simbolo di “convivio”, perchè quando si decide di fare la “panzerottata” in casa si respira aria di festa.

Nascono come cibo povero e di recupero, in quanto si preparavano con l’impasto del pane e si farcivano con due ingredienti che nelle cucine pugliesi non mancano mai, il pomodoro e il formaggio.

Una ricetta che non conosce stagioni e accompagna ogni tempo climatico o sociale, i panzerotti sono perfetti nelle riunioni fra amici e parenti nelle calde sere estive cosi come diventano  comfort food nelle fredde sere d’inverno.

Un panzerotto ben dorato è buono in tutti e per tutti i sensi.
Il suo profumo ci invita a gustarlo, il colore ben rosolato della sua crosta è una gioia per gli occhi, l’orecchio è solleticato dallo suo sfrigolamento nell’olio bollente e non mancherà il piacere tattile nel portalo alla bocca con le mani… provare per credere!

Ingredienti per 4 Persone

Per la pasta

Per il ripieno

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Fate sciogliere il lievito in acqua a temperatura ambiente. Mettete la farina in un'ampia terrina, aggiungete l'acqua con il lievito, amalgamate un po' e unite il sale e l'olio. Impastate fino ad ottenere un liscio, omogeneo ed elastico. Coprite la terrina con la pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.

    Fate sciogliere il lievito in acqua a temperatura ambiente.
Mettete la farina in un'ampia terrina, aggiungete l'acqua con il lievito, amalgamate un po' e unite il sale e l'olio.
Impastate fino ad ottenere un liscio, omogeneo ed elastico.
Coprite la terrina con la pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.
  2. Nel frattempo preparate il ripieno: tagliate la mozzarella a dadini e mettetela a scolare in su un piatto inclinato per fargli perdere l'acqua in eccesso, quindi in una terrina mescolatela insieme ai pomodori. Condite con un filo d'olio, una spolverata di origano e gustate di sale.

    Nel frattempo preparate il ripieno: tagliate la mozzarella a dadini e mettetela a scolare in su un piatto inclinato per fargli perdere l'acqua in eccesso, quindi in una terrina mescolatela insieme ai pomodori.
Condite con un filo d'olio, una spolverata di origano e gustate di sale.
  3. Trascorso il tempo di lievitazione, suddividere l'impasto in palline da 70 g.

    Trascorso il tempo di lievitazione, suddividere l'impasto in palline da 70 g.
  4. Posizionatele distanziate tra di loro su una teglia e lasciatele lievitare fino al raddoppio del volume.

    Posizionatele distanziate tra di loro su una teglia e lasciatele lievitare fino al raddoppio del volume.
  5. Trascorso il tempo della seconda lievitazione, stendete ogni pallina su una superficie infarinata ricavandone dei dischi dello spessore di circa 3-4 mm. Farcite ogni disco con il ripieno.

    Trascorso il tempo della seconda lievitazione, stendete ogni pallina su una superficie infarinata ricavandone dei dischi dello spessore di circa 3-4 mm.
Farcite ogni disco con il ripieno.
  6. Chiudete ogni disco a mezzaluna e sigillate bene i bordi aiutandosi con i rebbi di una forchetta.

    Chiudete ogni disco a mezzaluna e sigillate bene i bordi aiutandosi con i rebbi di una forchetta.
  7. Mettete abbondante olio d'arachidi in una pentola, portate alla temperatura di 170°C e cominciate a friggere i panzerotti.

    Mettete abbondante olio d'arachidi in una pentola, portate alla temperatura di 170°C e cominciate a friggere i panzerotti.


19 maggio 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia