MIO lab con Oscar Quagliarini a Milano

Spazio alla mixology di qualità al Park Hyatt

condivisioni

Se a lungo si è parlato della Milano da bere oggi si parla di bere bene, nella città dove le mode e le novità sono all’ordine del giorno, dove spuntano locali interessanti e di successo prende sempre più piede la mixology di qualità.

Bere bene in Hotel, precisamente in uno degli Hotel più prestigiosi della città il Park Hyatt, accanto a un’offerta gastronomica importante e di qualità nasce MIO lab, nel 2014 aveva aperto MIO bar &bistrot oggi quel format si evolve concentrandosi sul banco del bar, fulcro della mixologia.

Al banco un bar tender di fama internazionale Oscar Quagliarini, spazio più che al lato estetica a una proposta e un’atmosfera che vuole stupire con I Tarocchi, una cocktail list che diventa un mazzo di carte da presentare agli ospiti per scoprirne i gusti e le preferenze.

Girando le carte si trova la ricetta del cocktail,  Il Matto svela Gin Helsinky, liquore alla rosa Palent, lime, champagne; La Papessa Ketel one vodka, succo di melograno, lime, triple sec Giffard, velluto di limone allo zenzero Giffard; La Temperanza ci guida con Gina Tanqueray, essenza di pomodoro merenda Pachineat, acqua di cipolla di Giarratana Pachineat, aceto di mele, polvere di capperi, L’Eremita custodisce: Gin Tanqueraye noci, tabacco capofila, vecchio Samperi, mio Sherry, gocce di salsa ponzu, miele e molto altro.

Non mancano i grandi classici sempre presenti e un back stage importante per la produzione delle basi e delle materie prime che fanno la differenza su un cocktail di alto livello, per esempio la creazione esclusiva Q Bitter Park Hyatt Edition un bitter meno amaricante con un basso contenuto di genziana che fanno spiccare le note di arance amare, cedro e mandarino.

27 giugno 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste