Napolitaners il docufilm che racconta il gusto napoletano per la vita

Gianluca Vitiello racconta Napoli fra cibo e musica

condivisioni

L’amore per la propria città, una passione viscerale per le strade, il profumo, il mare, le piazze, i sapori, i rumori, l’esuberanza e tanto tanto altro, stiamo parlando di Napoli, della Napoli raccontata da Gianluca Vitiello nel suo docufilm Napolitaners.

Il regista racconta venti storie il cui filo conduttore è il gusto napoletano per la vita, cibo e musica i collanti, le storie parlano di napoletani lontani da casa, magari anche lontanissimi, oltre oceano ma Napoli la portano sempre nel cuore attraverso un profumo, un ricordo, un luogo.

Lo stesso Vitiello vive da diversi anni a Milano, artista, speaker per Radio Dj, è dal capoluogo lombardo che inizia un racconto, sedici capitoli, ottanta minuti che si snoda da Berlino a New York, da Ibiza a Tokyo, un omaggio alla napoletanità.

C’è la storia di Peppe che a Tokyo ha aperto Napoli stà ca, due ristoranti e una bakery che i giapponesi amano molto, Alessandro Matrone a Ibiza gestisce It spesso collaborando con lo chef Gennaro Esposito, il cantante Tony Arca che a Milano ha avuto la geniale idea di creare una cornetteria notturna dove si possono gustare le migliori sfogliatelle della città, un luogo che è diventato simbolo e punto di incontro per i napoletani a Milano.

Il docufilm è stato proiettato a New York al The Wordl Bridge, a Ribalta un locale storico vicino a Time Square, sede del club Napoli calcio, punto di riferimento per i napoletani nella grande mela anche per le sue ricette tipiche napoletane, è stato visto in un festival a Tokyo, nei cinema di Milano, Napoli.

28 giugno 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste