Meet Massari 2018, a Roma la terza e ultima tappa del tour

Iginio Massari e Giuseppe Amato, Pastry Phef della Pergola, omaggiano la capitale reinterpretando i grandi classici della pasticceria

condivisioni

Si è conclusa a Roma, il 24 settembre, la terza e ultima tappa del Meet Massari, il grande spettacolo di alta pasticceria del numero uno di tutti i pasticceri, Iginio Massari, in cui il maestro ci ha portato alla scoperta delle migliori tradizioni dolciarie del nostro Paese, insieme a Molino Dalla Giovanna e alle sue insuperabili farine.

In quest’occasione il maestro è stato affiancato dal Pastry Chef della Pergola, ristorante tristellato di Heinz Beck, Giuseppe Amato, i due pasticceri hanno omaggiato Roma reinterpretando le ricette tipiche della tradizione romana, dal Maritozzo del maestro Massari alla Crostata di Visciole di Amato.

“Esistono almeno 4 diverse ricette del Maritozzo nella tradizione laziale. È un dolce che non dovrebbe mai mancare nelle pasticcerie non solo di Roma ma di tutta la regione” ha dichiarato il maestro Massari, affiancando alle nozioni tecniche anche qualche nota storica, sapete ad esempio da cosa deriva il nome “Maritozzo“? Leggenda vuole che fosse un appellativo affettuoso, che la futura sposa rivolgeva al suo amato, che per chiedere la sua mano,  aveva nascosto l’anello proprio nel dolce.

Oltre al maritozzo il Maestro ha presentato il Cornetto, spiegando la differenza rispetto al croissant francese e come capire, da una semplice occhiata se il prodotto finito che abbiamo davanti abbia seguito il giusto percorso di lievitazione e cottura, dopo il cornetto è stata la volta del Bombolone, la versione italiana del ben più noto krapfen austriaco, spiegando come la vera cottura, quella perfetta è nello strutto.

Per il maestro Massari “La tradizione deve sempre accompagnarsi alla ricerca, alla voglia di reinterpretare ed innovare. Senza questi elementi non vi è progresso”

e proprio su questa idea si inserisce la reinterpretazione della crostata di visciole di Giuseppe Amato, la sua “Frammenti del ‘700“, un dolce che viene dalla tradizione ebraica e che è entrato a tutti gli effetti tra le ricette della pasticceria romana, “una morbida pasta frolla con un cuore di ricotta, crema pasticcera e visciole, la varietà più selvatica delle ciliegie, dal sapore asprigno”

Nulla è stato lasciato al caso, per presentare la sua ricetta speciale Amato ha curato ogni dettaglio, dalla mise en place, alla storia del dolce e infine l’assaggio, avvenuto in concomitanza tra palco e platea, creando un momento unico.

Sul palco al fianco di Massari e Amato anche il Maestro AMPI Denis Dianin ed in prima fila altri grandi nomi della pasticceria italiana, Achille Zoia, Davide Malizia (Accademico AMPI e Campione Mondiale di Zucchero artistico), Massimo Chierico (Presidente Conpait Lazio) e Fabrizio Donatone (membro della squadra Campione del Mondo 2015 alla Coupe du Monde de la Pâtisserie).

Una manifestazione curata nei dettagli, ricca di spunti e nozioni, un percorso attraverso i dolci del nostro territorio,  “Siamo alla terza e ultima tappa di questo fantastico viaggio che ci ha portato attraverso i dolci della tradizione italiana.”  ha dichiarato Sabrina Dalla Giovanna, Direttore Marketing Molino Dalla Giovanna. “Meet Massari è stata per noi una straordinaria occasione per incontrare i tanti professionisti e appassionati di pasticceria di tutta Italia e raccontare loro le nostre farine, insieme ad alcuni dei principali protagonisti dell’Arte Bianca. Ringraziamo il Maestro Massari e tutti i grandi Maestri, come Salvatore de Riso, Gino Fabbri, Denis Dianin e molti altri, che hanno scelto di accompagnarci in questo viaggio. Ringraziamo anche i nostri partner, che hanno contribuito alla realizzazione di questi eventi. Visto il grande successo stiamo valutando la possibilità di replicare il tour anche nel 2019”.

Con Roma quindi, si è concluso il tour Meet Massari 2018, un tour che ha visto l’incontro di Iginio Massari ad con Salvatore De Riso a Napoli e con Gino Fabbri a Milano, un’opportunità unica per vedere all’opera i grandi Maestri dell’Arte Bianca, per carpire nozioni e suggerimenti.

Protagonisti indiscussi, oltre ai grandi Maestri, la tradizione dolciaria, i prodotti del territorio e le farine Molino Dalla Giovanna, compresa la farina “Rinfresco” nata proprio dall’incontro tra il Maestro Massari e il molino emiliano e sviluppata proprio per rinfrescare il lievito madre, ma anche per essere utilizzata per dolci da ricorrenza.

Un’esperienza unica non solo per gli specialisti del settore ma per tutti gli appassionati di pasticceria, non ci resta che sperare di veder ripartire il tour l’anno prossimo!

5 ottobre 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste