CucinaconStile in: #acenacolblogger con Teresa Balzano

... una rivisitazione-constile della cucina Calabrese

  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 10 minuti
condivisioni

 Ed eccoci qui al nostro “primo” appuntamento su iFood con la rubrica #acenacolblogger

Vista l’importanza di questa tappa, abbiamo deciso di invitare un’ospite speciale, le cui origini ci accomunano…stiamo parlando proprio di lei … Teresa Balzano, detta Terry, Calabrese, trapiantata a Milano per gli studi, dove è rimasta per amore e lavoro, possiamo definirla una delle pioniere del foodblogging dato che già nel lontano 2010 parlava di food attraverso il suo blog “Peperoni e Patate”.

Lei si racconta così “Vivo in cucina, lì dove ho i fornelli, l’ufficio, il computer e il set sempre pronto. Cucino, fotografo, scrivo e comunico. Web e cucina hanno cambiato la mia vita in meglio, hanno definito la mia professione e mi hanno spinto a vivere di tutto ciò che amo”.

D’altronde come darle torto, trasformare le proprie passioni in lavoro, migliora notevolmente lo stile di vita quotidiano.

Noi nel nostro piccolo, visto che “di giorno” lavoriamo in banca, abbiamo però deciso di dedicare il tempo libero tra fornelli e ristoranti e questo va a compensare le lunghe giornate lavorative.

Ma torniamo a noi e alla nostra cena, viste le comuni origini calabresi abbiamo voluto valorizzare alcuni ingredienti che caratterizzano la cucina regionale Calabrese.

Abbiamo pensato ad un antipasto classico: “Barchette di Spianata (firmata Madeo&SalumiPasini) con crema di ricotta alle erbe e olive” e ad un antipasto creativo “Quenelles di gelato alla mandorla con provola fritta e composta di cipolla ”.

Teresa ha poi contribuito, presentandoci in anteprima la “Pita Calabrese” una ciambella fatta con la base della pizza ripiena di provola, passata di pomodoro home made, capperi acciughe ed olive direttamente dalla sua amata Crotone, suo paese nativo.

Per la portata principale abbiamo voluto provare a stupire i nostri ospiti con una delle tecniche di cottura che più ci attrae sia per la semplicità nella preparazione, sia per i sorprendenti risultati, stiamo parlando della vasocottura.

Si tratta di una tecnica culinaria che consente di fare una cucina sana e di effetto, è un metodo di cottura ispirato alle classiche conserve, si procede proprio come per la marmellata: si mettono all’interno del vaso tutti gli ingredienti, si chiude e si cuoce nel microonde, oppure sui fornelli a bagnomaria (avendo cura di mettere uno strofinaccio tra i barattoli ), o ancora nel forno ventilato (da 60° a 150°) con dell’acqua.

Affascinati da questa tecnica abbiamo deciso di applicarla alla nostra portata principale, utilizzando uno degli ingredienti simbolo della cultura gastronomica Calabrese, il baccalà/stocco, in versione “moderna”.

Vogliamo condividere con voi questa originale ricetta… non potete non provarla, una vera delizia accompagnata da una grande classico “pipi e patati” una spadellata di melanzane patate e peperoni da cui ha origine il nome del blog di Teresa.

 

Ingredienti per 4 Persone

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Iniziamo versando un filo d’olio in un boccaccio con chiusura ermetica adatto alla vasocottura,(noi abbiamo utilizzato vasetti della Bormioli da 1/2 L, adatti alla cottura al microonde).

  2. Andiamo quindi a ricoprire la base del vasetto con i pomodorini tagliati in 4/6 , due olive, qualche fiore di cappero, uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale e uno di origano

  3. Passiamo ora al protagonista della ricetta, il baccalà precedentemente ammollato e spellato, andrà tagliato a cubetti e disposto sul letto di pomodorini formando un secondo strato.

  4. Ora andiamo a ricoprire con un altro strato di pomodorini, olive, capperi, la scorza di limone, il sale e l’origano creando un terzo strato

  5. Aggiungere il baccalà rimanente e fare un ultimo strato con i pomodorini, i capperi le olive, l’origano, il sale e un filo d’olio

  6. Il contenitore dovrà risultare pieno a tre quarti per favorire l’effetto sottovuoto durante la cottura.

  7. Chiudere ermeticamente il coperchio e collocare il contenitore nel centro del piatto girevole del forno a microonde, impostare il forno sulla potenza massima e cuocere per circa 7 minuti

  8. Terminata la cottura lasciare riposare per circa 15/20 minuti durante il quale verrà terminata la cottura nel vasetto.

  9. A questo punto nel contenitore si sarà creato il sottovuoto e si potrà quindi scegliere se conservare in frigo (si può mantenere per circa una settimana) o servire immediatamente.

  10. Per stappare il vasetto dal sottovuoto creato, riporre nuovamente nel microonde per circa 3 minuti avendo sbloccando la chiusura ermetica.

  11. Il vapore sbloccherà il coperchio e sarà pronto per essere servito

baccalà in vasocottura  baccalà in vasocottura

baccalà in vasocottura

baccalà in vasocottura

Ovviamente come per ogni cena che si rispetti abbiamo servito un ottimo vino, la nuova “Marimorena 2015” di Casa Rojo (disponibile su Winelite

Le etichette della linea “The Wine Gurus” sono pazzesche e si sposano perfettamente con il nostro mood “Cucinaconstile” “Beviamoconstile” =)

Come sempre, quando la compagnia è piacevole il tempo vola, ma non potevamo assolutamente salutare i nostri ospiti senza avergli fatto assaggiare un’altra chicca made in Calabria.

Per l’occasione non l’abbiamo preparato noi, ma ce lo siamo fatto mandare direttamente da Pizzo Calabro dall’azienda “il Tartufo gelato di Domenico Penna” , paese di origine del Tartufo gelato.

Io e Teresa, le più golosone abbiamo optato per il gusto rocher, ricoperto da un guscio croccante alle nocciole con all’interno un cuore morbidissimo di cioccolato, Stefano (il compagno di Terry) ha scelto il pistacchio e Francesco Noci e Fichi.

Nel nostro piccolo abbiamo cercato di far rivivere con questo menù e con una tarantella di sottofondo, un ricordo della Calabria ai nostri ospiti, ma in fondo anche per noi  è stato un gradito ritorno alle origini.

Buona Mangiata

IMG_9377

IMG_9361

wine Gurus & Salumi Pasini

barchette di spianata con crema di ricotta alle erbe

quenelles di gelato alla mandorla con provola fritta e composta di cipolle rosse

baccalà in vasocottura

Baccalà in vasocottura

pipi e patati

Tartufo di Domenico Penna

Tartufo di Domenico Penna

 

 

1 giugno 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia