#acenacolblogger con Eleonora Rubaltelli

... un saluto alla primavera

  • Difficoltà: difficile
  • Preparazione: 4 ore
  • Costo: basso
condivisioni

Per il secondo appuntamento della rubrica #acenacolblogger abbiamo invitato una giovane ragazza parmigiana che ha influenzato la nostra cucina con i sapori tipici Emiliani , Eleonora Rubaltelli.

Eleonora ama definirsi come:“una ragazza sorridente , molto dolce e con una grande passione per la cucina; adora viaggiare e scoprire le diverse culture enogastronomiche”, neolaureata in scienze gastronomiche ha deciso di coniugare la passione per il food con un ottima capacità comunicativa, creando nel blog “Style and Truble” della sorella Carlotta Rubaltelli, un’interessantissima sezione food “Kitchen Trouble”.

Provando a valorizzare alcune eccellenze enograstronomiche di Parma e dintorni abbiamo creato un menu di quattro portate al fine di coccolare i nostri ospiti attraverso sapori a loro familiari.

Non potevamo di certo non aprire la cena con la tradizionalissima torta fritta accompagnata da un tagliere di salumi con Fiocco, Coppa e salame felino, firmato Salumi Pasini.

Il secondo antipasto proposto, altro must della cucina parmigiana, è stato il pesto di cavallo, ovvero una tartare di filetto di cavallo condita con olio, aglio ed erbe aromatiche servita su una tradizionale bruschetta al pomodoro con insalata e un trito di capperi.

Con il primo piatto invece, abbiamo voluto dare onore ad uno degli ingredienti principali della cucina parmigiana, il Parmigiano Reggiano, il re degli alimenti che contraddistingue la cucina italiana in tutto il mondo. Abbiamo utilizzato una stagionatura di 30 mesi per creare una crema che ha fatto da base a degli spaghetti alla barbabietola con chips di coppa, una goduria sia per la vista che per il palato.

Tutte le nostre portate sono state accompagnate da un Sangiovese in purezza, proveniente da un angolo della Toscana sul litorale della Costa degli Etruschi nel cuore della maremma livornese, dove sorge “Podere il Castellaccio” che ci ha proposto per questa cena il suo “DINOSTRO” dal colore rosso cardinale, brillante e vivace, caratterizzato da un buoquet ampio e variegato, in armonia si percepiscono spezie, frutti rossi e piccoli frutti di bosco. Piacevolmente in equilibrio con una buona acidità e un tannino elegantemente esuberante. Un vino sicuramente ancora in evoluzione, da scoprire sui piatti della classica cucina Italiana. Molto buono anche il loro olio che ha condito, senza invasione tutte le nostre pietanze.

Ed infine ecco la ricetta che ha stupito gli ospiti e che abbiamo deciso di presentarvi in questa rubrica, sfogliando una nota rivista di cucina ci siamo lasciati incantare da questo coloratissimo piatto della pastry chef Chiara Patracchini, ed essendo entrambi due golosi non abbiamo esitato un istante prima di provarlo e riproporvelo.

In questi ultimi anni ci siamo sempre più avvicinati al concetto di dolce ma non dolce, sarà per moda o semplicemente perché abbiamo affinato i nostri palati, ma amiamo concludere un pasto con un dessert fresco e delicato, questo che oggi vi proponiamo ne è un bellissimo esempio.

ingredienti

Ingredienti per 4 Persone

Ingredienti per la mousse di basilico

Ingredienti per il crumble di cioccolato

  • 50 gr Farina di mandorle
  • 13 gr Cacao amaro
  • 25 gr Burro di panna tenuto in freezer 30 minuti

Ingredienti per il coulis di fragole

Ingredienti per il decorazione del piatto

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

Per la mousse di basilico
  1. Iniziate con la preparazione della mousse di basilico e cioccolato bianco che dovrà poi riposare ¾ ore in frigorifero. Prendete il basilico e lo frulliate con l’olio fino ad ottenere un pesto molto fluido

    Iniziate con la preparazione della mousse di basilico e cioccolato bianco che dovrà poi riposare ¾ ore in frigorifero. Prendete il basilico e lo frulliate con l’olio fino ad ottenere un pesto molto fluido
  2. Bagnate i fogli di gelatina in acqua fredda per circa 10 min., dopodichè aggiungeteli al latte che nel frattempo avremo portato a bollore e li sciogliete insieme.

    Bagnate i fogli di gelatina in acqua fredda per circa 10 min., dopodichè aggiungeteli al latte che nel frattempo avremo portato a bollore e li sciogliete insieme.
  3. Completate la mousse fondendo a bagnomaria il cioccolato bianco al quale aggiungerete la panna dopo averla semi-montata, il latte con la gelatina e il pesto di basilico

    Completate la mousse fondendo a bagnomaria il cioccolato bianco al quale aggiungerete la panna dopo averla semi-montata, il latte con la gelatina e il pesto di basilico
  4. Amalgamate bene il composto con una frusta in modo da incorporare bene l’aria e mettetelo in frigorifero a riposare.

    Amalgamate bene il composto con una frusta in modo da incorporare bene l’aria e mettetelo in frigorifero a riposare.
Per il crumble
  1. Aggiungete nel frullatore il burro congelato, il cacao amaro, lo zucchero e la farina di mandorle e frulliate tutto insieme per qualche secondo, dopodichè versate tutto il composto su di una placca da forno e infornate a 150° statico per circa 15 min, togliamo dalla placca e lasciatelo raffreddare.

    Aggiungete nel frullatore il burro congelato, il cacao amaro, lo zucchero e la farina di mandorle e frulliate tutto insieme per qualche secondo, dopodichè versate tutto il composto su di una placca da forno e infornate a 150° statico per circa 15 min, togliamo dalla placca e lasciatelo raffreddare.
  2. Terminate le preparazioni con il coulis di fragole, basterà mondanare le fragole, tagliarle a cubetti e lasciarle marinare con lo zucchero per circa 20 min. Trascorsi i 20 min scolate le fragole dal liquido che si sarà formato e frullatele fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo ( noi vi suggeriamo di passarle in un colino a maglie strette per ottenere una coulis più liscia ed omogenea).

    Terminate le preparazioni con il coulis di fragole, basterà mondanare le fragole, tagliarle a cubetti e lasciarle marinare con lo zucchero per circa 20 min.
Trascorsi i 20 min scolate le fragole dal liquido che si sarà formato e frullatele fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo ( noi vi suggeriamo di passarle in un colino a maglie strette per ottenere una coulis più liscia ed omogenea).
  3. Completate tutte le preparazioni non ci resta che impiattare, dato che il piatto è ispirato ad un giardino di tarda primavera componetelo a vostra fantasia utilizzando il crumble come terra, la mousse come richiamo dei ciuffi d’erba e completate con la frutta e la coulis per dare colore e la giusta freschezza al vostro piatto.

    Completate tutte le preparazioni non ci resta che impiattare, dato che il piatto è ispirato ad un giardino di tarda primavera componetelo a vostra fantasia utilizzando il crumble come terra, la mousse come richiamo dei ciuffi d’erba e completate con la frutta e la coulis per dare colore e la giusta freschezza al vostro piatto.

 FullSizeRender-11

Alla prossima cena…con una nuova influencer e nuove ricette tutte per voi per stupire i vostri ospiti.

Ora vi lasciamo con alcune foto della serata e vi ricordiamo che per le ricette di tutti i piatti della serata potete cliccare sui link di ogni singolo piatto e leggerle sul nostro blog Cucinaconstile.it

Bon Appetit 

image-182-1024x683    image-184-1024x683

image-186-1024x683

image-133-1024x683

FullSizeRender-3

image-178-1024x683 image-181-1024x683

 

11 luglio 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia