Obazda classico

un prodotto caseareo che va consumato freddo e normalmente spalmato sul pane, qui in balls glutenfree con passo passo

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 10 minuti
  • Costo: basso
condivisioni
È arrivato ottobre e l’Oktoberfest è finito perché, a dispetto del suo nome, è una festa che si svolge a settembre, per la precisione inizia a fine settembre per finire all’inizio di ottobre.
Pare che sia una delle Volkfest (feste popolari) più grandi al mondo e una delle più amate dai … tedeschi? No! Dagli italiani!
Bus, macchine, camper, aerei, e ogni altro mezzo di trasporto,uniscono con solerzia Italia e Monaco durante questo evento.
Chi ci è stato spesso ritorna, mentre molti di quelli che non ci hanno mai messo piede si ripropongono di andarci, almeno una volta nella vita.
Cosa rende speciale l’Oktoberfest rispetto a una qualsiasi altra festa di paese? La grandezza, i colori, la partecipazione, le valchirie che servono ai tavoli in scollacciati Dirndl e, ovviamente, lei, la birra bavarese!
Ma, a meno che non si voglia conquistare un coma etilico, non si vive di sola birra e all’Oktoberfest, ci sono le specialità locali da provare. Qui tutti penseranno a filari di würstel cotti in ogni modo e non sbagliate 🙂
Però, oltre alle note salsiccette ci sono altri piatti da assaggiare fra cui quello che vi proponiamo oggi, l’Obazda (o Obazter), un prodotto caseareo che va consumato freddo e normalmente spalmato sul pane.
La tradizione vuole che venga mangiato per il Brotzeit (diciamo la merenda) seduti in un Biergarten, i tipici “giardini della birra” presenti solo nella tradizione bavarese (se ne trovate in altri posti della Germania sono un po´come il panzerottaro a Milano, importazioni 🙂
Queste due tradizioni, Obazda e Biergarten, vanno di pari passo perché nascono nello stesso periodo (circa 150 anni fa) e poi il bisogno ingegna l’uomo e le cose vengono da se. Cosa vogliamo dire?
Non c’erano ancora tutti i mezzi che abbiamo oggi, così conservare i formaggi a pasta molle era difficile e spesso il Camenbert e il Brie, percorrevano la via della spazzatura perchè invecchiando il sapore diventava troppo intenso.
Cosa si inventarono i gestori die Biergarten per servire questi formaggi quando erano stagionati e non buttare niente? Un bel mix! Un pizzico di spezie, un po´di questo, un po´di quello e zaac! Grazie a un bisogno pratico, nasce una crema gustosissima.
obazda_birra_labandadeibroccoli
Questo composto ottiene così tanto successo da conquistare il mercato anche al di fuori del Bayer, ma attenzione non è un mix qualsiasi che si puó chiamare Obazda; secondo l’Unione Europea (potete trovare tutte le info QUI) si tratta di Obazda solo se ci sono i seguenti ingredienti (citiamo):
– Camembert e/o Brie, con aggiunta, a scelta, di Romadur e/o Limburger e/o formaggio fresco,
– burro,
– polvere di paprica e/o estratto di paprica,
– sale.
Sono facoltativi:
– cipolle,altre spezie e/o preparati a base vegetale e/o erbe aromatiche e/o preparati a base di erbe aromatiche,panna e/o latte e/o proteina di latte o di siero di latte, birra.
Non finisce qui, l’UE ha le idee ben chiare sulla preparazione dell’Obazda perché ci dice che almeno il 50% di questo composto deve essere costituito da formaggi, di cui almeno il 40% devono essere Camembert e/o il Brie, il che permette sí interpretazioni, creatività, ma molto molto limititate. Cosa che, naturalmente, serve soprattutto a regolamentare le grandi produzioni industriali.
L’UE ci dice anche come prepararlo al meglio: il Camembert e/o il Brie deve essere  tagliato a pezzetti della dimensione desiderata, ma  abbastanza grandi da essere visibili, e poi unito agli altri ingredienti fino a  formare un composto spalmabile che, grazie alla presenza della Paprika, prende un colore arancione chiaro.
Una ricetta facilissima e gustosissima con accompagnamenti tutti glutenfree perfetti perfetti per partecipare all’iniziativa #gustosenzaglutine.

Ingredienti per 4 Persone

Per accompagnamento

Per la panatura

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Sistemate i formaggi sul tavolo di lavoro.

    Sistemate i formaggi sul tavolo di lavoro.
  2. Pulire e tagliare la cipolla. Potete mettere direttamente in una ciotola la cipolla tagliata in piccoli pezzi e con il resto potrete fare delle rondelle da utilizzare come decorazione. Le rondelle di cipolla sono la decorazione classica di questo piatto e vengono anche mangiate volentieri, ma è una questione di gusti, in questa ricetta la presenza della cipolla è ridotta al minimo.

    Pulire e tagliare la cipolla. Potete mettere direttamente in una ciotola la cipolla tagliata in piccoli pezzi e con il resto potrete fare delle rondelle da utilizzare come decorazione. Le rondelle di cipolla sono la decorazione classica di questo piatto e vengono anche mangiate volentieri, ma è una questione di gusti, in questa ricetta la presenza della cipolla è ridotta al minimo.
  3. La ricetta originale non richiede che Brie e Camenbert vengano privati della loro crosta, ma per avere un sapore meno intenso preferiamo togliere tutta quella del Camenbert e parte di quella del Brie.

    La ricetta originale non richiede che Brie e Camenbert vengano privati della loro crosta, ma per avere un sapore meno intenso preferiamo togliere tutta quella del Camenbert e parte di quella del Brie.
  4. Nella ciotola versare il formaggio fresco, il Brie e il Camenbert tagliati a pezzi, il burro, il cucchiaio di birra, il cumino, la paprika dolce e lavorare il tutto con una forchetta. L'ideale è che tutti i formaggi siano a temperatura ambiente, così sarà più facile lavorarli.

    Nella ciotola versare il formaggio fresco, il Brie e il Camenbert tagliati a pezzi, il burro, il cucchiaio di birra, il cumino, la paprika dolce e lavorare il tutto con una forchetta.
L'ideale è che tutti i formaggi siano a temperatura ambiente, così sarà più facile lavorarli.
  5. A questo punto è fatta! Potete mettere la ciotola in frigo e aspettare almeno un'oretta prima di riprenderlo. Intanto preparate la presentazione.

Per accompagnamento e panatura
  1. Tagliate a fettine le baguette e infornatele per 3 max 4 minuti a 180 gradi (se le infornate intere seguite le indicazioni sulla confezione. Preparare le panature: una con i Crackers sbriciolati in purezza e una con l´aggiunta di paprika dolce e semi di cumino

    Tagliate a fettine le baguette e infornatele per 3 max 4 minuti a 180 gradi (se le infornate intere seguite le indicazioni sulla confezione.
Preparare le panature: una con i Crackers sbriciolati in purezza e una con l´aggiunta di paprika dolce e semi di cumino
  2. Creare delle piccole palline di Obazda, come delle polpettine, e panarle a piacimento con le spezie o senza; quelle speziate saranno leggermente colorate. Spalmare qualche fettina e lasciare il restante Obazda in una ciotola e infilzarlo con i grissini.

    Creare delle piccole palline di Obazda, come delle polpettine, e panarle a piacimento con le spezie o senza; quelle speziate saranno leggermente colorate.
Spalmare qualche fettina e lasciare il restante Obazda in una ciotola e infilzarlo con i grissini.
Note

Questo è un piatto perfetto per aperitivi e antipasti, ancor più in caso di cene perchè è semplicissimo e puó essere preparato con un giorno di anticipo.

Naturalmente le balls le dovrete preparare all'ultimo momento, pena la croccantezza della panatura.

collage-piatto-obazda

Il modo piú semplice per decorare è utilizzare l´erba cipollina, ma molto in voga sono le rondelle di cipolla o le fettine di ravanello.  Nei Biergarten lo trovate sempre servito con i salatini lunghi, se volete essere più tradizionalisti potrete usare i Salinis di Schär.

Un piatto decisamente semplice, ma sicuramente sfizioso e perfetto per accompagnare una bella birra ghiacciata, meglio se bavarese e senza Glutine!

10 ottobre 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia