Torta margherita con crema

Una ricetta semplice, di una volta, ispirata al romanzo Evelina e le fate di Simona Baldelli

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 45 minuti
  • Costo: basso
condivisioni

Evelina è una bambina di cinque anni che vive in un casolare nella campagna marchigiana con la nonna, il papà, la mamma malata di tisi e tre fratelli e sorelle.
Fuori c’è la guerra. L’ultimo anno della seconda guerra mondiale, poco prima dell’arrivo degli Alleati.
Evelina interpreta la guerra con gli occhi di una bambina della sua età: una bambina degli anni ’40, già in grado di lavare i panni al fiume, maneggiare il falcetto e badare alla sorellina. Ma pur sempre una bambina. Guarda agli orrori del mondo con un misto di timore e giocosa incoscienza, dove la guerra è un grande gioco che a volte fa paura e a volte sembra un’avventura. Come quando arrivano gli sfollati dalla città in una lunga, mesta processione che sembra uscire dai cumuli di neve. O come quando scopre per caso che in una botola sotto la stalla si nasconde una bambina più o meno della sua età, che le fa credere di essere una principessa magica che nessuno può vedere, mentre cerca soltanto di scampare alle persecuzioni razziali.
A proteggere Evelina e la sua casa ci sono anche due fate, la Nera dall’ampio gonnellone e la Scepa col suo sorriso sdentato, spiriti buoni che aiutano tutti in paese, avvertono dei pericoli e sanno tenere i segreti.
Evelina e le fate è un romanzo molto delicato, che tratta temi forti in una prospettiva originale e mai banale. L’unica pecca sono i numerosi dialoghi in dialetto marchigiano, che rendono un po’ più lenta e difficoltosa la comprensione di certi passaggi per chi non conosce i termini. Ma nel complesso merita davvero la lettura.
torta-margherita

Ingredienti per 8 Persone

Per la torta

Per la crema

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Separate i tuorli dagli albumi e montate questi ultimi a neve ferma.

    Separate i tuorli dagli albumi e montate questi ultimi a neve ferma.
  2. Montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete il latte e il burro fuso, mescolando bene. Aggiungete la farina, la fecola e il lievito setacciato. Quando il composto è omogeneo, incorporate gli albumi con movimenti circolari dal basso in alto.

    Montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso.
Aggiungete il latte e il burro fuso, mescolando bene.
Aggiungete la farina, la fecola e il lievito setacciato.
Quando il composto è omogeneo, incorporate gli albumi con movimenti circolari dal basso in alto.
  3. Imburrate una tortiera da 24 cm, versatevi il composto e infornate a 180° per 45 minuti circa.

  4. Mentre la torta cuoce preparate la crema. Con il pelapatate ricavate una striscia dalla scorza di limone. Nel minipimer polverizzate lo zucchero con la scorza di limone. Versate in un pentolino e aggiungete la farina, un uovo intero e il latte. Fate cuocere a bagnomaria, mescolando sempre, per qualche minuto dopo che la crema avrà raggiunto il bollore. Dovete ottenere una consistenza abbastanza soda.

    Mentre la torta cuoce preparate la crema.
Con il pelapatate ricavate una striscia dalla scorza di limone.
Nel minipimer polverizzate lo zucchero con la scorza di limone.
Versate in un pentolino e aggiungete la farina, un uovo intero e il latte.
Fate cuocere a bagnomaria, mescolando sempre, per qualche minuto dopo che la crema avrà raggiunto il bollore. Dovete ottenere una consistenza abbastanza soda.
  5. Quando la torta è fredda tagliatela a metà con un coltello da pane e spalmate di crema la metà inferiore, quindi ricoprite con la metà superiore e spolverate con zucchero a velo.

    Quando la torta è fredda tagliatela a metà con un coltello da pane e spalmate di crema la metà inferiore, quindi ricoprite con la metà superiore e spolverate con zucchero a velo.
Note

Se non avete modo di polverizzare lo zucchero, usate quello a velo e mettete la scorza di limone intera in infusione nella crema mentre cuoce, poi toglietela prima di farcire la torta.

Nel romanzo la nonna di Evelina prepara la torta margherita con la crema in occasione di una festa sull’aia. Ingredienti semplici come farina, latte e uova, che chi viveva in campagna aveva la fortuna di trovare con più facilità, quando gli animali non venivano requisiti dall’esercito.
Una torta casalinga, senza tempo, che sa di festa e di quotidiano insieme.
Per la crema ho scelto una ricetta più leggera rispetto alla classica crema pasticcera (meno uova, ma intere, e meno farina), ma la farcitura è a vostro gusto.
Ovviamente con la crema va conservata in frigo e consumata in breve tempo. Per trasformarla in un dolce da credenza vi consiglio di non farcirla e di accompagnare le singole fette con una buona composta di frutta o con yogurt greco.
torta-margherita2
torta-margherita4
torta-margherita5

Titolo: Evelina e le fate
Autore: Simona Baldelli
Editore: Giunti
Anno di pubblicazione: 2013

21 novembre 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia