Involtini freddi di roast-beef

L’antipasto che sorprende al primo assaggio

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 30 minuti
  • Costo: medio
condivisioni

Gli involtini freddi di roast-beef sono una di quelle ricette che unisce sapori molto diversi tra loro, come mango, peperone rosso e Roast-beef che, inspiegabilmente stanno così bene assieme che il risultato è qualcosa di divino, che sorprende al primo assaggio. 

Procedi fino ad esaurimento degli ingredienti

Ingredienti per 10 Persone

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Per preparare gli involtini freddi di roast-beef, inizia occupandoti del mango e del peperone: affettali in maniera da ottenere dei bastoncini da 4-5 millimetri di lato e un po’ più lunghi del lato più corto delle fette di roast-beef, così fuoriusciranno ai lati una volta pronti gli involtini. Indicativamente ti consiglio di preparare 2 bastoncini di mango e 3 bastoncini di peperone rosso per ogni fetta di roast-beef.

    Per preparare gli involtini freddi di roast-beef, inizia occupandoti del mango e del peperone: affettali in maniera da ottenere dei bastoncini da 4-5 millimetri di lato e un po’ più lunghi del lato più corto delle fette di roast-beef, così fuoriusciranno ai lati una volta pronti gli involtini. Indicativamente ti consiglio di preparare 2 bastoncini di mango e 3 bastoncini di peperone rosso per ogni fetta di roast-beef.
  2. In un mixer metti la polpa di mezzo avocado Hass tagliata a pezzi, il succo spremuto di 1 lime, 8 g di prezzemolo fresco, 30 g di cipolla rossa, mezzo spicchio di aglio e un generoso pizzico di sale, quindi frulla tutti questi ingredienti fino ad ottenere una crema corposa e omogenea.

    In un mixer metti la polpa di mezzo avocado Hass tagliata a pezzi, il succo spremuto di 1 lime, 8 g di prezzemolo fresco, 30 g di cipolla rossa, mezzo spicchio di aglio e un generoso pizzico di sale, quindi frulla tutti questi ingredienti fino ad ottenere una crema corposa e omogenea.
  3. Trasferisci la crema in una ciotola e procedi all’assemblaggio dei tuoi Involtini freddi di roast-beef: adagia su un tagliere una fetta di roast-beef, cospargila con un cucchiaino di crema di avocado, spalmandola bene su tutta la superficie.

    Trasferisci la crema in una ciotola e procedi all’assemblaggio dei tuoi Involtini freddi di roast-beef: adagia su un tagliere una fetta di roast-beef, cospargila con un cucchiaino di crema di avocado, spalmandola bene su tutta la superficie.
  4. A questo punto adagia su un’estremità i bastoncini di mango e peperone, mettendone 2 di mango e 3 di peperone.

    A questo punto adagia su un’estremità i bastoncini di mango e peperone, mettendone 2 di mango e 3 di peperone.
  5. Per finire avvolgi la fettina di carne su se stessa e adagiala su di un piatto da portata, poi procedi in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti.

    Per finire avvolgi la fettina di carne su se stessa e adagiala su di un piatto da portata, poi procedi in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti.
  6. Servi subito i tuoi involtini freddi di roast-beef oppure conservali in frigo per qualche ora al massimo, ricordantoti di tirarli fuori mezz’oretta prima di servirli, in questo modo non saranno troppo freddi.

Note

Per la tipologia di ingredienti, questi involtini non possono essere preparati con troppo anticipo, ma volendo, potrai preparare tutti gli ingredienti separatamente e poi assemblarli solo un paio di ore prima di servirli.

Per quanto riguarda l’avocado, ti consiglio di procurartene uno della California, della specie chiamata Hass, con la buccia scura e rugosa: sono molto più saporiti e burrosi di quelli della Florida, che invece sono più grandi e dalla buccia più liscia e di color verde chiaro. Per verificare che sia maturo al punto giusto, dovrai affidarti al tatto, premendo delicatamente il pollice sul frutto: se è molto duro, significa che è ancora acerbo (e che perciò va tenuto un paio di giorni fuori dal frigo, in un sacchetto di carta assieme a una mela, così maturerà più in fretta), se il frutto è morbido ma elastico e non rimane nessun solco alla pressione del dito, allora è maturo, ma non abbastanza per essere ridotto in crema. L’avocado giusto per questa preparazione è tale se premendo sulla buccia rimane un piccolo solco sul frutto, ciò significa che è ben maturo e quindi è perfetto per essere ridotto in crema.


29 agosto 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia