Trecce alla Panna a lievitazione naturale

Senza uova, per un impasto soffice e leggero.

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 8 ore
  • Cottura: 20 minuti
  • Costo: basso
condivisioni

Le Trecce alla Panna sono dei dolci molto soffici, ideali per la prima colazione, per la merenda e per ogni momento della giornata che richiede un goloso break.

Le trecce alla panna sono realizzate con il lievito madre e senza uova, in modo da conferire a questi dolci una consistenza irresistibilmente leggera.

Molto più salutari rispetto alle merendine industriali, le trecce alla panna sono perfette anche per essere portate a scuola.

Se ancora non possedete il Lievito Madre, grazie al quale è possibile ottenere una lievitazione naturale più digeribile rispetto al comune lievito chimico, consigliamo di leggere i nostri suggerimenti per realizzarlo facilmente.

Ingredienti per 6 Persone

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Rinfrescate il lievito madre e lasciatelo raddoppiare. Prendetene 150 grammi, fatelo a pezzetti e mettetelo insieme alla panna e al miele nel boccale della planetaria con il gancio a foglia, lavorando finché non si sarà amalgamato e avrà formato una schiumetta in superficie. Sostituite la foglia con il gancio ed unite le farine setacciate con la scorza grattugiata del limone e la vanillina. Fate lavorare alla minima velocità finché la farina non sarà assorbita, aggiungete il sale sciolto nell’acqua, quindi unite lo zucchero. Aumentate la velocità e proseguite finché non vedete che l’impasto stacca dalle pareti del boccale e tende a salire sul gancio. Spegnete e prendete l’impasto delicatamente, avendo cura di farlo scivolare dal gancio senza strapparlo. Mettete la pasta su un ripiano leggermente infarinato e lasciate riposare per 15 minuti;

    Rinfrescate il lievito madre e lasciatelo raddoppiare. Prendetene 150 grammi, fatelo a pezzetti e mettetelo insieme alla panna e al miele nel boccale della planetaria con il gancio a foglia, lavorando finché non si sarà amalgamato e avrà formato una schiumetta in superficie. Sostituite la foglia con il gancio ed unite le farine setacciate con la scorza grattugiata del limone e la vanillina. Fate lavorare alla minima velocità finché la farina non sarà assorbita, aggiungete il sale sciolto nell’acqua, quindi unite lo zucchero. Aumentate la velocità e proseguite finché non vedete che l’impasto stacca dalle pareti del boccale e tende a salire sul gancio. Spegnete e prendete l’impasto delicatamente, avendo cura di farlo scivolare dal gancio senza strapparlo. Mettete la pasta su un ripiano leggermente infarinato e lasciate riposare per 15 minuti;
  2. Allargate l’impasto e formate un rettangolo schiacciando piano con i polpastrelli. Effettuate una piega a tre prendendo il lembo a sinistra che porterete al centro, quindi spostate quello a destra sopra a chiusura. A questo punto avrete ottenuto una specie di salsicciotto, spostate la chiusura superiore al centro quindi finite di arrotolare verso il basso;

    Allargate l’impasto e formate un rettangolo schiacciando piano con i polpastrelli. Effettuate una piega a tre prendendo il lembo a sinistra che porterete al centro, quindi spostate quello a destra sopra a chiusura. A questo punto avrete ottenuto una specie di salsicciotto, spostate la chiusura superiore al centro quindi finite di arrotolare verso il basso;
  3. Pirlate, ossia con i palmi rivolti verso l’alto, girate l’impasto su se stesso strofinandolo sul ripiano e contemporaneamente cercando di tirare l’impasto sotto. Quando vedete che l’impasto è bello in tensione mettetelo a riposare al coperto per tre ore. Pigliate l’impasto e tagliate delle porzioni di circa 30 grammi. Prendete ogni pallina e lavoratela portando i lembi dell’impasto al centro, fermandoli contemporaneamente con l’indice. Effettuate questa operazione su tutta la circonferenza. Chiudete a metà e formate un salsicciotto;

    Pirlate, ossia con i palmi rivolti verso l’alto, girate l’impasto su se stesso strofinandolo sul ripiano e contemporaneamente cercando di tirare l’impasto sotto. Quando vedete che l’impasto è bello in tensione mettetelo a riposare al coperto per tre ore. Pigliate l’impasto e tagliate delle porzioni di circa 30 grammi. Prendete ogni pallina e lavoratela portando i lembi dell’impasto al centro, fermandoli contemporaneamente con l’indice. Effettuate questa operazione su tutta la circonferenza. Chiudete a metà e formate un salsicciotto;
  4. Allungate strofinando sul ripiano per circa 7/8 centimetri. Prendete tre salsicciotti per volta e unite le punte in alto sovrapponendole con l’accortezza di mettere più in altro la parte centrale. Cominciate a formare una treccia invertendo la posizione dei salsicciotti a destra e sinistra;

    Allungate strofinando sul ripiano per circa 7/8 centimetri. Prendete tre salsicciotti per volta e unite le punte in alto sovrapponendole con l’accortezza di mettere più in altro la parte centrale. Cominciate a formare una treccia invertendo la posizione dei salsicciotti a destra e sinistra;
  5. Tirate verso l’alto il salsicciotto centrale e incrociate di nuovo. Abbassate il salsicciotto centrale e incrociate di nuovo. Proseguite fino alla fine, quindi chiudete schiacciando le tre punte mandandole sotto. Pressate e mandate sotto anche le tre punte in alto. Posizionate la treccia ottenuta su una placca ricoperta di carta forno, pennellate con il latte e lasciate raddoppiare al coperto, il che dovrebbe avvenire in circa 4 ore. Passate in forno caldo a 180 gradi per venti minuti, fino a che risulteranno belle dorate. Sfornate, pennellate di nuovo la superficie con il latte, dopodiché lasciate freddare su una gratella.

     Tirate verso l’alto il salsicciotto centrale e incrociate di nuovo. Abbassate il salsicciotto centrale e incrociate di nuovo. Proseguite fino alla fine, quindi chiudete schiacciando le tre punte mandandole sotto. Pressate e mandate sotto anche le tre punte in alto. Posizionate la treccia ottenuta su una placca ricoperta di carta forno, pennellate con il latte e lasciate raddoppiare al coperto, il che dovrebbe avvenire in circa 4 ore. Passate in forno caldo a 180 gradi per venti minuti, fino a che risulteranno belle dorate. Sfornate, pennellate di nuovo la superficie con il latte, dopodiché lasciate freddare su una gratella.


2 novembre 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia