eviori

New York Cheesecake e una critica gastronomica

I travestimenti di un famoso critico gastronomico del NY Times e la torta simbolo della Grande Mela

condivisioni

Provate a pensarci. Quando varcate la soglia di un ristorante per andare a cena, più o meno consapevolmente vi lasciate alle spalle la realtà quotidiana e per qualche ora potete permettervi di dimenticare voi stessi, di essere qualcun altro, di recitare un ruolo insomma.

Questo dice l’autrice. Una cena al ristorante è un momento sospeso tra due dimensioni.
Se poi ad andare a cena fuori è il critico gastronomico del NY Times, allora quella di “diventare qualcun altro” è una vera e propria esigenza per non farsi riconoscere e poter valutare con obiettività la qualità del servizio e delle portate. Perché si sa che, quando il critico viene riconosciuto, immediatamente si libera il tavolo migliore della sala, le porzioni si fanno più abbondanti e curate, il servizio diventa rapido e cortese.

Ma cosa succede se il critico si traveste? Ruth decide di farlo e con l’aiuto di un’amica esperta in drammaturgia teatrale si trasforma di volta in volta in un personaggio diverso: la signora anziana timida e garbata, la sua defunta madre, la bionda fatale, una estroversa rossa hippie e simpatica, una manager senza scrupoli, una ragazza schiva che passa inosservata a tutti. Nulla è lasciato al caso: la scelta del look, le parrucche, gli accessori, il tono di voce e soprattutto il comportamento e il modo di fare. Ruth si cala scrupolosamente nei suoi personaggi e per ognuno di essi scopre una parte del suo carattere che non credeva di possedere, una frase che non pensava di riuscire a pronunciare, una sensazione che non aveva mai provato.

Sullo sfondo la NY degli anni ’90, caotica e caleidoscopica come sempre, spendacciona, frettolosa, esibizionista, una città non ancora ferita dall’attentato e dalla crisi, in cui andavano molto di moda i ristoranti francesi, il foie gras, l’aragosta e la crème brûlèe. Un tempo che sembra lontano in cui le recensioni sul giornale avevano molto credito, internet era ancora poco diffuso e i ristoranti “etnici” erano considerati una seconda scelta.

Tra una cena e l’altra Ruth ci regala molto di sé; frammenti della sua vita familiare e lavorativa, stralci delle sue recensioni più estrose, ricordi d’infanzia e diverse ricette.
 

ori2

 

Stampa
NY Cheesecake alle pesche e fiori d'arancio
2015-07-10 11:11:36
Per il fondo
  1. 300 gr di biscotti frollini
  2. 80 gr di burro sciolto
  3. 1 pizzico di cannella
  4. 1 cucchiaino di miele chiaro
Per la farcitura
  1. 500 gr di ricotta vaccina
  2. 180 gr di zucchero semolato
  3. 100 gr di panna fresca
  4. 60 gr di yogurt bianco
  5. 2 uova intere
  6. 1 fialetta di aroma ai fiori d'arancio
  7. 1/2 cucchiaino di farina 00
Per decorare
  1. 1 pesca noce
  2. confettura di pesche
Istruzioni
  1. Frullate finemente i biscotti con il burro fuso, la cannella e il miele.
  2. Disponete le briciole ottenute sul fondo e sui bordi di una tortiera da 20 cm, compattando bene.
  3. Fate riposare per mezz'ora in frigorifero.
  4. Per preparare la farcitura, mescolate la ricotta con lo zucchero.
  5. Aggiungete la panna e lo yogurt.
  6. Battete leggermente le uova e incorporatele al composto.
  7. Per ultimi aggiungete l'aroma ai fiori d'arancio e la farina.
  8. Disponete la farcitura sul guscio di biscotti e livellate bene.
  9. Infornate a 160° per 60-70 minuti circa.
  10. Fate raffreddare dapprima a temperatura ambiente, poi in frigorifero per almeno 3 ore.
  11. Per la decorazione, spalmate sulla superficie della torta uno strato sottile di confettura di pesche, poi affettate la pesca noce senza sbucciarla e disponetene alcune fettine a ventaglio.
Note
  1. A fine cottura la torta si presenta ancora morbida al centro: è normale, si solidifica poi in raffreddamento.
iFood http://www.ifood.it/
 ori1

Tra le numerose ricette contenute nel libro, io ho scelto di realizzare la NY Cheesecake, torta simbolo della Grande Mela, aromatizzandola però con le pesche e l’essenza di fiori d’arancio al posto dei classici frutti di bosco e vaniglia.

14 luglio 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste