Taralli sugna e pepe

lo street food napoletano per eccellenza

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 50 minuti
  • Costo: basso
condivisioni

I Taralli sugna e pepe o Taralli Napoletani sono qualcosa di non definibile per me a causa della loro sconfinata bontà, un impasto rustico ricco di sapore di mandorle croccanti e pepe nero, una fragranza senza eguali grazie alla sugna.

Friabili e croccanti sono lo street food napoletano più amato e diffuso, da gustare ancora caldi durante lunghe passeggiate.

Sembra che i taralli fossero frutto di pezzi di pasta di pane avanzati, impastati con la sugna e il pepe nero, le mandorle furono aggiunte in un secondo momento.

Come per tutte le ricette locali o regionali trovare quella giusta che mette tutti d’accordo è sempre impossibile, io ho scelto quella del famoso Raffaele Pignataro che ci tiene a ricordare che per un ottimo risultato bisogna usare la sugna e non lo strutto, che per molti di noi è la stessa cosa, invece no perché la sugna si ricava dal grasso surrenale mentre lo strutto viene estratto da parti diverse.

Il Signor Pignataro ci scuserà sicuramente se utilizzeremo lo strutto.

Mettete le birre in frigo e andiamo ad impastare i nostri taralli!

Dimenticavo tra gli ingredienti è previsto il lievito ma state tranquilli non hanno bisogno di ore e ore di riposo ne di speciali cure.

Ingredienti per 15 Persone

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Iniziamo preparando un lievitino, unite 100 g di farina presa dal totale ,il lievito che scioglierete in 80 g di acqua tiepida sempre presa dal totale e il cucchiaino di zucchero. Mescolate bene, coprite il lievitino con della pellicola e lasciatelo a riposo per 50 minuti.

    Iniziamo preparando un lievitino, unite 100 g di farina presa dal totale ,il lievito che scioglierete in 80 g di acqua tiepida sempre presa dal totale e il cucchiaino di zucchero.
Mescolate bene, coprite il lievitino con della pellicola e lasciatelo a riposo per 50 minuti.
  2. Tritate le mandorle in modo grossolano. Aggiungete al lievitino la farina restante, l'acqua, le mandorle, lo strutto a temperatura ambiente e il pepe nero e il sale.

    Tritate le mandorle in modo grossolano.
Aggiungete al lievitino la farina restante, l'acqua, le mandorle, lo strutto a temperatura ambiente e il pepe nero e il sale.
  3. Iniziate ad impastare all'interno della ciotola e poi continuate su un piano poco infarinato, la raccomandazione è quella di non impastare troppo ma il giusto, altrimenti i taralli verranno gommosi. Quindi quando l'impasto sarà omogeneo smettete. Formate una palla.

    Iniziate ad impastare all'interno della ciotola e poi continuate su un piano poco infarinato, la raccomandazione è quella di non impastare troppo ma il giusto, altrimenti i taralli verranno gommosi. Quindi quando l'impasto sarà omogeneo smettete. Formate una palla.
  4. Formate due cordoncini e attorcigliateli tra loro, sigillate le estremità e chiudeteli a corona. Aggiungete su ogni tarallo tre mandorle intere facendo una leggera pressione. Le mandorle vanno prima bagnate in acqua in modo che non si stacchino dopo la cottura.

    Formate due cordoncini e attorcigliateli tra loro, sigillate le estremità e chiudeteli a corona.
Aggiungete su ogni tarallo tre mandorle intere facendo una leggera pressione.
Le mandorle vanno prima bagnate in acqua in modo che non si stacchino dopo la cottura.
  5. Passate i taralli in delle teglie coperte da carta forno ad una distanza di 4 cm. Lasciate i taralli sugna e pepe a riposo per 2/3 ore in un luogo lontano da fonti di corrente.

    Passate i taralli in delle teglie coperte da carta forno ad una distanza di 4 cm.
Lasciate i taralli sugna e pepe a riposo per 2/3 ore in un luogo lontano da fonti di corrente.
  6. Cuocete i Taralli napoletani per 50 minuti a 180°.

Note

Ovviamente potete utilizzare la vostra planetaria per eseguire l'impasto.

 

 

29 Dicembre 2018

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia