photo: www.worldwildwine.it

VINTAG: l’App che riconosce il vino

una app anticontraffazione

condivisioni

Vi è mai capitato di andare in giro con una guida enogastronomica cartacea sotto il braccio? girare alla ricerca di un ristorante interessante o magari scegliere in enoteca il vino giusto per la vostra cena? E’ sempre più raro assistere a scene di questo tipo perché il passaggio dalla carta al digitale è in continua evoluzione.

Oramai abbiamo a portata di tablet o smartphone le guide in formato ebook, ma spesso ci basta anche semplicemente navigare nel sito di un locale o di un produttore per avere un’idea ben precisa di cosa offrono e se fa al caso nostro.

La tecnologia però continua imperterrita ad offrire nuove opportunità, anche per gli appassionati di food&wine, da altri punti di vista, come ad esempio quelli della qualità e della certificazione al fine di evitare spiacevoli “bidoni”.

L’ultimissima novità è davvero recente: è stata infatti presentata nel corso dell’ultima edizione del Vinitaly conclusasi mercoledì. L’azienda Axel Smart Applications (con sede a Vicenza) ha presentato “Vintag“, una app anti-contraffazione che permetterà agli utenti di conoscere la carta d’identità di un vino grazie all’etichetta.

Basata sulla tecnologia NFC (presente ormai su tutti gli smartphone di ultima generazione) che permette il download di dati e informazioni sui prodotti, l’app legge le informazioni presenti in un microchip applicato sull’etichetta, per conoscere il lotto di produzione, la provenienza ma anche la scheda tecnica, la possibilità di navigare nel sito web dell’azienda vinicola e tanto altro.

Sarà quindi impossibile grazie a Vintag acquistare vino contraffatto e scoprire solo una volta giunti a casa la fregatura! Una App sicuramente utile, ma che mi ha portato a pensare con nostalgia alle feste universitarie: mai più mal di testa da vino scadente, i nuovi laureandi si trasformeranno in un esercito di sommelier e le loro serate, caratterizzate da discussioni sulla politica estera e le energie rinnovabili, si chiuderanno rigorosamente entro le 23!

 

27 marzo 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste