Orizzontale_New_York_1

New York Must Eat! I posti da non perdere

Se andate a New York preparatevi una lista dei posti "cult" dove andare a mangiare!

condivisioni

Se in una sola parola dovessi descrivere la città di New York ne sceglierei una in perfetto stile americano: wow! È pazzesca, è viva, è travolgente e ti fa sentire come se ti trovassi al centro del mondo.
Orizzontale_New_York_2 Orizzontale_New_York_3
La sensazione più strana che ho provato nel visitarla? A furia di vederla nei film mi sembrava quasi di conoscerla! Qui si fa fatica a non essere travolti dall’euforia, si vorrebbe andare ovunque e ci si sente veramente come un bambino che per la prima volta si trova in un enorme luna park.
Si potrebbero scrivere molti post sulla Grande Mela, parlando di musei, luoghi, shopping, personaggi celebri e vita mondana…ma oggi ci concentriamo su un aspetto in particolare: il cibo!

Orizzontale_New_York_evidenza

Cosa dovete assolutamente provare se andate a NY?

Partiamo dalla colazione.
La colazione del newyorkese medio cambia molto in base al fatto che sia consumata in un giorno feriale o in un giorno festivo. Durante la settimana infatti li troverete sempre di corsa, con un caffè “to go” in mano (cioè da portar via) e al limite con qualche donuts sulla scrivania.
Nel weekend invece, a New York ci si concede il brunch! Il brunch è un’istituzione, si tratta di una via di mezzo fra una colazione ed un pranzo, infatti il nome è l’unione fra le due parole: breakfast (colazione) e lunch (pranzo). Durante il brunch si consumano dei piatti classici, spesso a base di uova: strapazzate con bacon, strapazzate con salmone affumicato, alla Benedict e in altre mille maniere, il tutto accompagnato da qualche dolcetto stile muffin o pancake e da una buona tazza di caffè.
Orizzontale_New_York_6
A questo proposito i luoghi da segnalare sono:
Egg Shop: neanche a dirlo, fanno le uova in ogni modo. (151 elizabeth st. – www.eggshopnyc.com)
Sarabeth’s Kitchen: potete scegliere fra 5 location sparse per Manhattan e gustare un classico brunch di ottima qualità. (www.sarabeth.com)
Chez Josephine: si trova a Brodway ed è un locale stile bistrò che rende omaggio alla soubrette americana Josephine Baker, ogni domenica si può ordinare un brunh sulle note di pianoforte e musica dal vivo. (414 West/42nd st – www.chezjosephine.com)
Per rimanere in tema musicale, potete recarvi ad Harlem, al Sylvia’s Restaurant, dove potrete celebrare il weekend e il vostro brunch con sottofondo Gospel. (328 Malcolm X boulevard – www.sylviasrestaurant.com)
Ultimo, ma non in ordine di importanza e bontà, è Alice’s Tea Cup. Tre locatin in tutta Manhattan, oltre ad un’atmosfera molto particolare tutta ispirata al mondo incantato delle fate e delle fiabe, troverete moltissime qualità di tè ed altrettanti piatti dolci e salati. Assolutamente da provare waffle e pancake ai mirtilli. (www.alicesteacup.com)

Se poi volete assaporare uno dei simboli della tradizione newyorkese, allora dovete mangiare il pastrami. Si dice che il più buono e famoso della città sia quello di Katz’s Delikatessen. (205 East Houston St – www.katzsdelicatessen.com) Il pastrami, come molte delle specialità americane, non nasce in America. Si tratta di un piatto tipico romeno che è stato importato dagli immigrati all’inizio del XX secolo, diventando poi parte della cultura americana. È una preparazione a base di carne di manzo che prevede una lunghissima marinatura, un rivestimento esterno a base di una miscela di spezie ed infine una altrettanto lunga affumicatura. Si affetta sottilmente e si serve all’interno di sandwich, spesso di pane di segale, insieme a salse e verdure.
Un altro simbolo tipicamente USA per eccellenza è l’hamburger, ma dimenticatevi lo stile fast food, qui l’hamburger non è solo un panino ma un vero e proprio credo!
Orizzontale_New_York_8
Fra le catene più famose sentirete sicuramente parlare di Shake Shack, ma onestamente trovo che ce ne siano di molto più buoni. Di quelli che ho provato, ho apprezzato particolarmente Bareburger (www.bareburger.com). Hanno diversi locali, non solo a New York, e a Manhattan ce ne sono circa 16. Propongono varie tipologie di carne, dal manzo al bisonte, tutte ottime, e una vasta scelta di ingredienti aggiuntivi puntando sulle produzioni organiche. Potrete comporre il vostro hamburger come più vi piace e avrete a disposizione anche versioni vegetariane e gluten-free.
Anche gli Hot-Dog direi che possono rientrare tranquillamente nei simboli dello street food americano, sicuramente non mancheranno le occasioni per mangiarli nei tipici chioschi ambulanti disseminati per tutte la città, se però volete assaporarli all’interno di un locale potete andare da Grey’s Papaya (2090 Broadway – www.grayspapayanyc.com) oppure dal mitico e famossissimo Nathan’s (www.nathansfamous.com).
Per chiudere l’elenco della tipologia stile “panino” non possiamo non menzionare i bagels. Anche questa è una preparazione tipica del luogo, si tratta di una sorta di panino a forma di ciambella, che viene farcito nei modi più svariati: pastrami, insalata di pollo, insalata di tonno oppure salmone. In ogni modo voi lo proviate, non potrete che innamorarvene. Se non vedete l’ora di assaggiarli ricordate che trovate i migliori bagels della città da Absolute Bagels (2788 Broadway – www.absolutebagels.com).

Proseguiamo il nostro tour gastronomico virando “pericolosamente” sui dolci. 
Orizzontale_New_York_10
A portare addirittura il nome della città c’è la golosissima New York Cheesecake. Indubbiamente una bomba calorica, ma è una dispensatrice di buon umore. Un boccone e il sorriso trionferà soddisfatto sul vostro volto. Questa devo dire che la trovate un po’ dappertutto, ma è imperdibile quella di Junior’s (www.juniorscheesecake.com).
Sempre parlando di dolci, i fan della serie tv “Sex & the city” non potranno non passare da Magnolia Bakery (www.magnoliabakery.com), dove fra innumerevoli dolci, svetterà la famosa Red Velvet Cake, disponibile anche in versione cupcake.
Orizzontale_New_York_7
Se siete amanti del cioccolato invece dovete recarvi a Brooklyn e andare a trovare i fratelli un po’ pazzi di Mast Brothers Chocolate che hanno una vera e propria fabbrica di cioccolato e confezionano con le loro mani barrette dai gusti molto particolari, anche se non a buon mercato (111 North 3rd Street, Williamsburg, Brooklyn – www.mastbrothers.com).
Se volete seguire le mode televisive invece, vi basterà attraversare l’Hudson River e dirigervi ad Hoboken, nel New Jersey, per arrivare nella famosa pasticceria Carlo’s bakery di Buddy Valastro, meglio conosciuto come “Il Boss delle torte”.

Orizzontale_New_York_5

Come accennato nelle prime righe di questo articolo, girovagando per la città vi renderete conto di quanti luoghi avete già visto nei vostri film preferiti, New York è praticamente un set a cielo aperto e molti ristoranti sono stati protagonisti in scene di film famosi. Vi ho già parlato di Katz’s Delicatessen, all’interno del quale sono state girate molte pellicole fra cui “Harry ti presento Sally”, “Donnie Brasco” e “Across the Universe”.
Al 225 East della 60esima strada troverete Serendipity 3 (225 East 60th st – www.serendipity3.com), set del film romantico “Serendipity”.
Un set che vede ancora una volta Meg Ryan come protagonista, questa volta insieme a Tom Hanks, è il Cafè Lalo (201 West 83rd St – www.cafelalo.com). Si trova all’incrocio fra l’83esima street e Amsterdam aveneu e al suo intero sono state girate acune scene di “C’è posta per te”.
Se invece volete una super bistecca come quelle che ordina Miranda Pristley ne “Il diavolo veste Prada”, dovete andare da Smith & Wollensky (797 3rd Ave – www.smithandwollensky.com).
Terminiamo con un tuffo negli anni 90’, quando all’interno del Mezzogiorno Restaurant (195 Spring St – www.mezzogiorno.com) sono state girate le scene del film “Ghost”, che tutti hanno visto almeno una volta nella vita.

Orizzontale_New_York_9

Insomma, a New York c’è veramente di tutto, è una città molto attrezzata anche dal punto di vista delle intolleranze e delle varie esigenze alimentari. Non avrete difficoltà a trovare alternative vegetariane o senza glutine, la scelta poi è talmente vasta da poter soddisfare tranquillamente tutti i tipi di palati e di portafogli.

20 giugno 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste