media ifood

Un anno di iFood

iFood.it: un anno dopo la messa online e qualche numero

condivisioni

E’ passato esattamente un anno dalla messa online di iFood.it.

Un anno fa, una parte delle admin (la crew composta da 10 foodblogger che gestisce il network) si trovava in questo momento a Terni, sede di Netaddiction, insieme ai tecnici e alla direzione editoriale, aspettando la messa online del sito. In contemporanea, altri 200 foodblogger da tutta Italia (e anche nel mondo), continuavano a fare “refresh” sul dominio ifood.it, aspettando di vedere il layout ufficiale del sito. Sì perché, se c’è una cosa che ci contraddistingue come network e gruppo di “amici” è proprio questo entusiasmo collettivo, questo desiderio di crescere insieme, questo senso di sentirsi uniti in un progetto, di sentirsi parte di un sogno.

Dunque, un anno di iFood.it che, tradotto in numeri, diventa: 230 food blogger uniti nella piattaforma, 30 blog in attesa di migrazione (e centinaia di richieste di entrata da evadere), 60 contributor – redattori, 10 admin responsabili del coordinamento editoriale e della gestione del network, di cui 2 del team social, 1 account ADV che ogni giorno si interfaccia con richieste da parte di aziende, agenzie, centri media, enti e consorzi. Tutti rigorosamente foodblogger. Si perchè creare opportunità lavorative e organizzare eventi per promuovere la figura del foodblogger sono state tra le principali mission di questo progetto e oggi, a distanza di un anno dall’avvio, sono felice di poter confermare il raggiungimento e la realizzazione di questi obiettivi.

Ebbene sì, non è mera retorica. iFood ha creato indotto nel mondo dei foodblogger e oggi offre occasioni di lavoro ad oltre 70 persone (tra full time, part time e prestatori occasionali), ha ingaggiato video maker, digital PR, curatori editoriali, uffici stampa e molto altro. 

Ogni settimana rilanciamo sul sito i blogger del network, così da dare a tutti la meritata visibilità. Ci interfacciamo giornalmente con lo staff dell’editore che ci fornisce tutto il supporto tecnico per il sito e per la piattaforma. Invece, tra di noi lavoriamo su Facebook, dove abbiamo creato gruppi in cui gestire  la redazione, il network e, in generale, la community. Abbiamo costituito gruppi di approfondimento e tutoring per imparare a usare wordpress, per migliorare nella fotografia, per confrontarsi sui viaggi e per organizzare iniziative. Per ogni gruppo, abbiamo nominato degli admin che fungono da “pronto soccorso” per emergenze, per richieste di consigli, per pareri su ricette o semplicemente per una pacca sulla spalla. Crediamo nella condivisione, nell’amicizia e nel reciproco sostegno. Ma talvolta l’unione virtuale non basta ed è allora che organizziamo raduni, incontri, iniziative e blogtour e partecipiamo a eventi e manifestazioni di rilevanza anche nazionale in tema Food: dal Festival Food & Book al Salone internazionale del Libro, dal Taste of Milano alla Festa della Rete di Rimini, dal Festival del Giornalismo alimentare a Identità Golose

blogger ifood

(il raduno dei blogger di iFood al Festival Food & Book di Montecatini Terme – ottobre 2015)

 

Il risultato di questo gruppo di lavoro e di tanti sorrisi? 1350 articoli (tra ricette, video, racconti di viaggio e news), 4000 foto (tutte rigorosamente di alta qualità), una cinquantina di campagne, progetti speciali, foodlab e showcooking, decine di blogtour e un terzo posto nella categoria Food ai MIA awards, il premio dei siti piu votati dal popolo del web. 

Dopo il primo anno, il bilancio del progetto iFood si chiude con numeri che mai avremmo pensato di ottenere: 57k fans solo sulla pagina iFood, 990k utenti unicioltre 2,6 milioni di pagine viste al mese per un totale fanbase (di tutto il network) di oltre 840k followers sui principali social network. Per noi “blogger che ci mettono la faccia” si conclude un primo anno ricco di soddisfazioni, partnership ed esperienze con un trend più che positivo di accessi al portale: quasi 1 milione di utenti unici (49,3% del traffico fidelizzato e 59.7% di nuovi visitatori).

Spesso ci viene rivolta la domanda: ma chi sono i foodblogger di iFood? Siamo foodblogger della porta accanto, siamo donne e uomini che escono al mattino per recarsi sul posto di lavoro: avvocati, ingegneri, universitari, ricercatori, mamme, papà, nonni e zii, siamo impiegati, commercialisti, statisti di giorno e cuoche provette e reporter di cronaca culinaria nei ritagli di tempo libero. Siamo dislocati in tutta Italia (e alcuni all’estero) e ci stiamo organizzando per nominare ambassador regionali.  Dunque un anno intenso, un libro pubblicato e tanti altri progetti in cantiere.

Qualche anticipazione? Ce lo dice Andrea Pucci, Ceo e amministratore unico di NetAddiction, colui che ha creduto in noi blogger dal nome ironico e buffo (“bloggalline”): “il nuovo anno porterà ulteriori rinforzi alla linea editoriale e all’offerta di contenuti sia online che cartacei, grazie alla pubblicazione di nuovi titoli della collana iFood che presto arriveranno in libreria”. 

Orizzontale_iFood_2

(La presentazione di iFood e del primo libro “Il Gusto della Terra” al Salone Internazionale del Libro di Torino e Andrea Pucci in mezzo alle blogger – maggio 2015)

Un anno fa, esordimmo sul web con un detto o, meglio, con un hashtag che recitava: #thebestisyettocome. Mai fu hashtag più azzeccato. Ed il meglio deve ancora arrivare!

Auguri ad iFood, auguri a tutti loro che credono ancora nella bellezza dei sogni.

“if you can dream it, you can do it”. (W. Disney)

23 marzo 2016

Le Ricette Più Viste