Categorie
News

A Vipiteno le Giornate dello Yogurt

Vipiteno si prepara a diventare la patria dello yogurt, al via la ventesima edizione delle giornate dello yogurt dal 7 al 15 luglio.

Lo yogurt uno dei prodotti di eccellenza a base di latte, oro bianco dell’Alto Adige punto di riferimento italiano nel settore lattiero-caseario grazie alle tante latterie che lo producono, così come il latte, lo yogurt ricopre un ruolo di primo piano.

Per gli amanti dello yogurt un appuntamento importante, Vipiteno cittadina simbolo di questo prodotto è ormai diventata punto di riferimento per gli amanti del genere ma anche per tutti coloro che vogliono trascorrere una settimana godendo delle bellezze dell’Alto Adige.

L’apertura della settimana è prevista per sabato 7 alle ore dieci con una  sfilata per le vie della cittadina, durante la serata una festa in Piazza Città che verrà animata da show cooking con chef stellati della zona che prepareranno piatti a base di yogurt.

Domenica 8 è dedicata alle malghe a Racines, dalle 9 alle 17 appuntamento per scoprire come viene prodotto lo yogurt, durante la settimana passeggiate serali per scoprire le bellezze di Vipiteno, mercoledì la Festa delle Lanterne con assaggi di pietanze a base di yogurt, giovedì sera la lunga notte della Latteria Vipiteno con musica dal vivo, cibo, bevande e visite guidate.

Giornata di chiusura il 15 presso la malga Furtalm in Val di Fleres, festa  dedicate alle famiglie, per partecipare alle visite guidate e conoscere in dettaglio il programma consultate il sito www.giornatedelloyogurt.it

Categorie
Travel & Food

Val Sarentino, profumo di vacanza

A pochi chilometri da Bolzano, oltrepassando la zona dei vigneti del S. Maddalena, il paesaggio si trasforma, le viti lasciano spazio a conifere e pascoli e si entra in Val Sarentino. Il paesaggio, l’aria e i colori ripagano chi si è allontanato anche solo di pochi passi dalla città. Il tempo sembra essersi fermato nella città di Sarentino, mentre sullo sfondo le dolomiti, con il loro carattere morbido e il colore rosato, nonostante la severità di qualsiasi massiccio montuoso. 

 

Sarentino è il paese principale della valle, dove il centro vede alternarsi edifici in muratura e storici masi in legno. Qui vive e si sviluppano l’artigianato e l’imprenditoria sarentinese uniti nel consorzio MirSarner.

la Val Sarentino è ideale per gli amanti delle escursioni e della natura in generale. Facilmente accessibili anche per i meno allenati sono molti dei masi della Valle. Alcuni di questi sono adibiti a fattorie dimostrative, che potrete visitare rendendo felici i proprietari, che fieri vi mostreranno i segreti dell’arte contadina.

 

Il maso Rohrerhaus è il più antico della valle, citato per la prima volta alla fine del 1200. I suoi interni presentano decorazioni di grande valore artistico, con intagli di grande pregio, in particolare nella stanza principale, la stube, chiamata così per la stufa che vi era ospitata all’interno.

Sono organizzate escursioni guidate anche alla scoperta del Pino Mugo, un arbusto tipico della vale con forti proprietà medicinali ed estetiche, assieme al Pino Cembro (o cirmolo). Se il primo ha dimostrato caratteristiche stimolanti, tonificanti e antidolorifiche, il secondo è utilizzato per le sue proprietà calmanti e balsamiche.

Filo conduttore dell’esperienza in Val Sarentino è la forte tradizione ed attaccamento al territorio. Se avete la fortuna di visitare la zona in concomitanza di qualche festa tradizionale, potrete ammirare i meravigliosi abiti tradizionali delle famiglie della valle, ma anche il bestiame, diverso per ogni zona.

Categorie
News

Il latte fresco dell’Alto Adige

Raccolto 365 giorni l’anno e lavorato entro le 24 ore. Ecco il segreto del latte di montagna. Perché le mucche non riposano mai, e neanche i loro allevatori. 

Ore 4:30 del mattino. Franz si sveglia e si prepara per iniziare la propria giornata. Indossa gli abiti da lavoro e gli stivali, e alle 5:00 inizia a mungere le mucche, ci vorrà circa un’ora. Nel frattempo, la cisterna di raccolta ritira il latte munto la sera prima. Franz prosegue con la pulizia della stalla e con il foraggiare le mucche e nutrire i vitellini. In tarda mattinata la cisterna torna al maso, per raccogliere il latte della mattina. Dopo una giornata passata a lavorare il fieno, per l’alimentazione delle proprie mucche (falciatura, essiccazione, imballaggio del fieno) e alle attività di manutenzione della fattoria, e cura del piccolo orto, si occupa della mungitura serale. 365 giorni l’anno.

Negli anni 60 nasce la prima cooperativa la raccolta e lavorazione del latte: Latte Montagna Alto Adige, che oggi conosciamo come Mila. 2.600 contadini, che vivono e lavorano nei masi di montagna, a stretto contatto con la natura e preservando le tradizioni così come tramandate di generazione in generazione.

Tutto ha inizio nelle stalle dei piccoli masi, dove ogni contadino possiede in media 8 mucche, tutte chiamate per nome, libere di muoversi tra i pascoli e la stalla, dove si rifugiano nelle giornate troppo calde e d’inverno. Le mucche sono trattate con cura e rispetto, alimentate solamente con foraggi 100% vegetali e tutti garantiti senza OGM. La raccolta avviene tutti i giorni, direttamente nei masi, o nei punti di raccolta, per permettere anche ai più piccoli produttori di poter mantenere viva la loro attività, pur non avendo la possibilità di acquistare macchinari per la conservazione e lavorazione del latte.

Il latte viene lavorato entro 24 ore e trasformato in tanti prodotti freschi e di alta qualità. Circa il 25% diventa latte fresco distribuito tutti i giorni in tutta Italia. (bio, senza lattosio, Alta Qualità). Il restante viene lavorato per diventare in parte burro, panna e formaggi, ma principalmente yogurt. L’Alto Adige è appunto noto per la produzione di yogurt, ma in cosa consiste il processo produttivo?

Al latte pastorizzato e omogeneizzato, per garantirne la sicurezza e la conservazione, sono aggiunti i fermenti lattici che permettono a trasformazione del lattosio in acido lattico, e quindi la condensazione del latte. Dopo un periodo di riposo, lo yogurt naturale è pronto.

Lo yogurt ora può essere unito a frutta prodotta sempre in Alto Adige, o confezionato nelle vaschette gusto+gusto per poterlo unire a cereali o frutta. La stagionalità e la ricerca sono parte integrante della produzione, i nuovi trend sono sempre cavalcati, permettendoci di gustare sapori nuovi e freschi come lime e fiori di sambuco, oppure salutari come cereali e frutta secca, o ancora dal sapore esotico come lo zenzero, la maracuja e il tè verde.

Il connubio tra arte contadina, innovazione e amore per il territorio, rende la cooperativa un’azienda non solo con scopo produttivo, ma anche sociale, perché contrasta l’abbandono dei masi e delle tradizioni contadine, favorisce l’attaccamento al territorio, tutela il bestiame e permette a numerose famiglie di guadagnare con il loro lavoro sopravvivendo al mercato.

Categorie
Eventi News

Festa del Latte

E’ un appuntamento Biennale attesissimo, la Festa del Latte alla sua 6^ edizione, come sempre avrà luogo nell’incantevole Malga Fane, frazione di Rio Pusteria un villaggio alpino idilliaco che rimanda a racconti e favole ambientate nelle più belle montagne, tra fienili, baite e la suggestiva chiesetta. 

La Festa del Latte è non solo occasione di aggregazione per grandi e piccini, che vengono a contatto con tutti i segreti di questo prezioso alimento e dei suoi derivati, quali burro, formaggio, yogurt e mozzarella; ma è anche luogo di incontro e messa a punto del lavoro e della passione di più di 5000 contadini che ogni giorno consegnano il latte fresco alle latterie cooperative per la lavorazione. La Federazione Latterie Alto Adige rappresenta gli interessi di 10 cooperative di caseifici e latterie altoatesine, ne controlla la qualità, l’applicazione delle norme e della tutela del benessere degli animali, l’attuazione delle leggi su tutta la filiera dalla produzione al consumo. 

In Alto Adige, si producono annualmente circa 380 milioni di litri di latte, che corrispondono al 3,4% dell’intera produzione italiana.  Con un fatturato medio annuo di 450 milioni di euro, la produzione di questo alimento base rappresenta un fattore economico di estrema importanza per l’agricoltura di montagna. 

Questa è una festa in cui tutti potranno toccare con mano, imparare divertendosi e assaggiare, dopo aver partecipato personalmente alle attività lungo la Via Lattea, il sentiero informativo che racconta la lunga tradizione della lavorazione del latte,  quelli che sono i prodotti di un’eccellenza alimentare del territorio italiano.

Tanti saranno i piatti tipici a base di latte e un ‘milk bar’,  gestito dalla Scuola professionale per l’economia domestica e agroalimentare di Aslago, offrirà frullati e specialità allo yogurt per tutti i gusti. 

 

La 6^ edizione della Festa del Latte avrà luogo sabato 27 e domenica 28 agosto dalle ore 10 alle ore 18.

 

südtirol, fane alm, 22.und23.august 2009

Categorie
Eventi

Inizia oggi ad Appiano: Vino in festa 2015

Al via, oggi, 25 aprile, la nona edizione del grande festival enogastronomico lungo la Strada del Vino dell’Alto Adige: parte oggi la “Giornata del Vino” di Appiano, per poi proseguire per più di un mese tra appuntamenti, incontri, degustazioni e tour guidati alla scoperta del patrimonio vinicolo locale. Gran finale il 6 giugno, con l’immancabile “Notte delle Cantine”.

Vino in Festa è la kermesse enogastronomica dedicata alla scoperta dell’arte, della cultura, delle tradizioni e dei sapori della Strada del Vino dell’Alto Adige. Sedici i comuni coinvolti, dal 25 aprile al 6 giugno, per questa manifestazione che – come sempre – è in realtà un grande contenitore di eventi diversi. I momenti clou saranno tanti, dal Simposio Internazionale del Gewürztraminer (14-16 maggio), che quest’anno festeggia la sua decima edizione, all’attesissimo Festival del Gusto Alto Adige, in programma a Bolzano dal 29 al 31 maggio. Senza dimenticare l’edizione speciale del VinoSafari, all’insegna di vino e salute.

vinoinfestaappiano2

Un programma fitto di eventi, per esperti e semplici appassionati.

Con Vino in Festa ce n’è davvero per tutti i gusti: il programma è vasto e articolato ed accontenta i desideri più diversi, dal turista che vuole andare alla scoperta del territorio di Bolzano e dintorni (www.bolzanodintorni.info), fino all’esperto di vini che vuole approfondire le proprie conoscenze con degustazioni, visite alle cantine e passeggiate didattiche tra i vigneti.

Grande inaugurazione ad Appiano

Il paese di Appiano ospita oggi l’apertura di Vino in Festa, il 25 aprile: durante la Giornata del Vino – dalle 17 alle 22, presso la residenza Lanserhaus – a disposizione dei visitatori ci saranno una ventina di produttori, tra cantine sociali, vignaioli, coltivatori biologici e spumantifici, pronti a presentare i loro vini, con la possibilità per appassionati e conoscitori di centellinare oltre settanta specialità enologiche.

vinoinfestaappiano 

Wineparty a Caldaro: per dare il benvenuto alla stagione

Il 2 maggio tocca invece a Caldaro, che sarà protagonista con lo speciale Wineparty organizzato nel suo incantevole centro storico: a partire dalle ore 19.30 i vignaioli locali proporranno i loro migliori vini bianchi e rossi, tra cui quelli premiati dalla Charta del Kalterersee 2014. Questi stessi vini saranno protagonisti, il 19 maggio, de Il meglio di Caldaro: a far da contorno alla manifestazione, nella piazza Principale, musica e specialità gastronomiche preparate dalla Casa del Vino PUNKT. Mentre il 23 maggio, oltre alla degustazione, ci sarà la possibilità di visitare il vigneto del Museo del Vino, dove crescono varietà di viti che un tempo erano diffuse in tutto l’Alto Adige, come il “Blatterle”, il “Fraueler”, o il “Versoaln”, oggi coltivate solo da pochi viticoltori. 

Vino e salute con il VinoSafari

Edizione speciale anche per il VinoSafari (8 maggio e 5 giugno), altro appuntamento classico che caratterizza la stagione lungo la Strada del Vino dell’Alto Adige: durante Vino in Festa, il tema principale di questa escursione enologica sarà infatti il binomio vino e salute. Si parlerà di consumo moderato e si approfondirà anche il tema dell’impatto ambientale delle coltivazioni, attraverso realtà come la viticoltura biodinamica dalla famiglia Loacker, i vini biologici del Maso Strickerhof e ancora la linea di prodotti cosmetici vinPELLIS.

Gran finale con la Notte delle Cantine.

appiano in festa vino

Sebbene gli appuntamenti in programma siano davvero tantissimi, il più famoso si conferma sempre la Notte delle Cantine, che chiuderà in grande stile Vino in Festa: il 6 giugno, dalle ore 17 fino a mezzanotte, le cantine lungo la Strada del Vino dell’Alto Adige apriranno le loro porte ai visitatori, che potranno scegliere tra degustazioni, incontri, concerti e golosi assaggi di specialità regionali (a disposizione un servizio navetta che collega tra loro le cantine). 

Per chi infine ne vuole sapere di più sull’universo vitivinicolo della Strada del Vino dell’Alto Adige, segnalo Gustare vini e ambiente a Salorno (il 2 giugno)Il Lagrein al passo col tempo (il 4 giugno a Ora) e Vino & Gusto ad Andriano (il 5 giugno)

Numerosi anche gli spunti culturali: da Vino & Artigianato (il 30 maggio a Cortina S.S.D.V.) a  Vino & Musica a Cortaccia (il 1° giugno).

Il vino, infatti, è anche cultura.

Per maggiori informazioni: www.stradadelvino-altoadige.it