baccalà_vicentina_05_72dpi

Baccalà alla vicentina

Dalla tradizione veneta

condivisioni

L’uso di essiccare il merluzzo  per conservarlo è una pratica antichissima: vi sono documenti che attestano l’uso di questa pratica nei Mari del Nord sin dal IX secolo. Lo stoccafisso sarebbe stato introdotto nel Triveneto dai veneziani, che da grandi navigatori e mercanti quali erano,  portavano in Patria dai loro viaggi ogni novità. La più diffusa versione dei fatti sostiene che nel 1432 la spedizione agli ordini del capitano veneziano Pietro Querini naufragò in Norvegia, sull’isola di Røst. Rientrando a casa, il Querini portò lo stoccafisso, che nel Triveneto è tuttora chiamato baccalà (mentre il baccalà nel resto d’Italia indica il merluzzo conservato sotto sale). I veneziani videro nello stoccafisso un’allettante alternativa al pesce fresco, costoso e facilmente deperibile. Nacque allora la tradizione di consumare questo piatto secondo varie ricette, tra le quali il baccalà alla vicentina.

baccala_vicentina_0004_72

 

Stampa
Baccalà alla Vicentina
2015-03-30 18:18:04
Per 10 persone
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Difficoltà
3
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
Ingredienti
  1. 1 kg di stoccafisso già ammollato
  2. 500 g di cipolle
  3. 2 spicchi di aglio
  4. 500 ml di olio extravergine d'oliva
  5. 4 acciughe sotto sale
  6. 1 ciuffo di prezzemolo tritato
  7. 100 g di farina
  8. 100 g di parmigiano grattugiato
  9. 500 ml di latte
  10. sale q.b.
  11. pepe q.b.
Istruzioni
  1. Spellate con attenzione lo stoccafisso cercando di non romperlo e poi deliscatelo con attenzione e con l'aiuto di una pinzetta.
  2. Tritate finemente la cipolla e l'aglio.
  3. Deliscate le acciughe, sciacquatele e tritatele.
  4. Prendete un po' d'olio dal totale e fate appassire dolcemente l'aglio, la cipolla e le acciughe. Mettete da parte a raffreddare.
  5. Tritate il prezzemolo e unitelo al composto raffreddato di cipolle.
  6. Spargete il soffritto sul lato interno dello stoccafisso, cospargetelo con la farina, metà del parmigiano, salate, pepate e chiudetelo a libro pressando un po' i bordi.
  7. Tagliate lo stoccafisso in tranci di 5 cm circa e passateli nella farina e nel parmigiano restanti.
  8. Sistemate i tranci molto vicini tra loro in una pentola dal fondo spesso, copriteli col latte e con il restante olio e mettete a cuocere a fuoco dolcissimo per 3 o 4 ore. Non mescolate ma scuotete la pentola di tanto in tanto per evitare che il baccalà attacchi sul fondo. Servite caldo.
iFood http://www.ifood.it/
 baccalà_vicentina_2

Se ne avete il tempo lasciatelo riposare una notte, sarà ancor più buono il giorno dopo riscaldato e accompagnato da una morbida polenta.

 

15 aprile 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste