Crostatine salate al radicchio, gorgonzola e prugne secche

Il piccante del gorgonzola unito alla dolcezza delle prugne e all'amaro del radicchio

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 40 minuti
condivisioni

La crostata salata oppure in monoporzione, come queste, ottime per un’aperitivo, tra il salato ed il dolce. Il salato del formaggio gorgonzola ed il dolce delle prugne, abbinati all’amaro del radicchio, un connubio che farà felice il vostro palato.

 Crostatatine salate con radicchio gorgonzola e prugne secche

Ingredienti per 4 Persone

Per la pasta brisée

Per le crostatine

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Preparate la pasta brisée. Setacciate la farina e mettetela dentro al robot da cucina.

  2. Aggiungete il burro freddo tagliato a pezzi e il sale.

  3. Avviate il robot, dopo poco vedrete formarsi un impasto sabbioso.

  4. Unite l'acqua ghiacciata ed azionate ancora, fino ad ottenere un impasto liscio.

  5. Prendete l'impasto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e ponetelo in frigorifero per circa un'ora.

Per le crostatine
  1. Mentre l'impasto riposa in frigorifero, imburrate le formine dove cuocerete le crostate. Aggiungete il pane grattugiato ed eliminate quello in eccesso.

  2. Accendete il forno a 180°C.

  3. Prendete il panetto di pasta brisée e stendetelo velocemente.

  4. Tagliate dei cerchi un po' più grandi delle vostre formine e adagiatele delicatamente, facendo attenzione a non rompere la pasta.

  5. Fate dei fori con i rebbi di una forchetta, ricoprite con carta forno e sopra dei fagioli secchi così la carta rimarrà ferma. Infornate per 10'.

  6. Togliete le crostate dal forno, eliminate carta e fagioli e farcite con il gorgonzola, il radicchio e le prugne secche.

  7. Con quello che vi rimane della pasta brisée ricavate delle listarelle per decorare le crostate.

  8. Mettete in forno per circa 30'.

  9. Saranno cotte quando vedrete la pasta brisée colorarsi.

 

Crostatatine salate con radicchio gorgonzola e prugne secche

Il mio consiglio è quello di prepararne dose doppia, o tripla, e magari cambiare anche ingredienti, utilizzando quelli della stagione in corso: asparagi, spinaci, pomodori secchi, zucca, carciofi, insomma, date sfogo alla vostra fantasia. 

Abbinamento con il vino a cura di Alice Guerrieri

L’Ortrugo frizzante del Poggiarello, dotato di fini bollicine date dalla lenta rifermentazione in autoclave, è un vino che accompagna piacevolmente il momento dell’aperitivo. Si presenta nel bicchiere nel suo bel colore giallo paglierino con sfumature verdoline e il suo sfavillante perlage che rallegra la vista mentre al naso sprigiona intense note di mela verde e salvia. Al gusto risulta ben equilibrato e abbastanza lungo sul finale. La morbidezza di cui è dotato ci viene in aiuto per compensare la sapidità del gorgonzola e la tendenza amarognola del radicchio, mentre le bollicine ripuliscono il palato dalla grassezza del boccone. Vedrete come l’abbinamento sia ben riuscito!

Ortrugo Frizzante DOC – Il Poggiarello – Annata 2016 – Vitigno Otrugo 100% – Titolo Alcolometrico Volumico 12% – Prezzo in enoteca 8€

1 febbraio 2015

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia