Sossole di Carnevale

Bugie, frappe, galani, chiacchiere, lattughe...cento nomi diversi per un unico dolce di Carnevale. Da un'antica ricetta.

  • Preparazione: 25 minuti
  • Cottura: 10 minuti
condivisioni

Sono il dolce di carnevale più diffuso in Italia, le ho sentite chiamare con decine di nomi differenti: bugie, frappe, galani, chiacchiere, lattughe; da me, nel gardesano, si chiamano sossole.
Quella che propongo è un’antica ricetta delle sossole, presa dal ricettario della mia bisnonna, quindi risalente agli inizi del novecento.  Lei le friggeva nello strutto ed in effetti così vengono buonissime, ma ho voluto realizzarne una versione “light”, nel senso di alleggerita, al forno. Il risultato non è lo stesso in quanto le sossole al forno rimangono meno saporite e fragranti rispetto a quelle fritte, ma sono comunque un’ottima soluzione per chi è a dieta o non può mangiare fritti e non vuole rinunciare a questo dolce di carnevale della tradizione italiana.

sossole al forno

Ingredienti per 4 Persone

Scarica la lista della spesa!

Preparazione

  1. Fate sciogliere il burro, versate tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e amalgamate bene a mano o con la planetaria, inizialmente l’impasto sembra piuttosto consistente, ma mescolando pian piano si ammorbidisce.

  2. Stendete la sfoglia molto sottile con un mattarello o se preferite con la macchinetta per tirare la pasta.

  3. Tagliate con un tagliapasta o una rotella tagliapizza in tanti rettangoli la sfoglia e disponeteli su di una teglia ricoperta di carta forno.

  4. Infornate a 180° C e cuocete fino a quando si gonfiano e assumono una colorazione dorata, circa 10/15 minuti.

  5. Togliete le sossole dal forno, fatele raffeddare su di una griglia e spolverizzatele di zucchero semolato o se preferite di zucchero a velo.

sossole al forno

Le sossole della mia bisnonna sono diverse da quelle che si acquistano oggi, in genere molto unte e dolcissime, infatti contengono poco burro e la ricetta non prevede l’utilizzo del lievito e dello zucchero nell’impasto.

In quel periodo chi viveva in campagna aveva a disposizione uova, farina, vino ma in genere cercava di utilizzare poco zucchero, in quanto costava molto, proprio per questo i dolci e le torte della mia bisnonna ne contengono sempre poco, in particolare la ricetta delle sossole non ne prevede l’impiego nell’impasto, ma solo una leggera spolverizzata da aggiungere una volta cotte. Personalmente preferisco aggiungerne almeno un cucchiaio agli altri ingredienti nell’impasto.galani collage

9 febbraio 2016

Traduci

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Le Ricette Più Viste

Invia Copia Stampa Chiudi
Premi Ctrl+C (Pc) oppure Cmd+C (Mac)
Invia